domenica, 17 gennaio 2021

Informazione dal 1999

Politica

Olbia. Maggioranza vota contro libertà di stampa, Monni spacca, Nizzi assente

Olbia. Maggioranza vota contro libertà di stampa, Monni spacca, Nizzi assente
Olbia. Maggioranza vota contro libertà di stampa, Monni spacca, Nizzi assente
Angela Galiberti

Pubblicato il 04 aprile 2018 alle 22:11

condividi articolo:

Ecco come hanno votato i consiglieri comunali, clicca qui

Olbia, 04 aprile 2018 - La mozione per il reinserimento di Olbia.it nella mailing list del Comune di Olbia è stata bocciata: la maggioranza in blocco, tranne il consigliere comunale Bastianino Monni, ha ritenuto di rispedire al mittente - ovvero l'opposizione composta da Coalizione Civica, Movimento 5 Stelle, Progetto Olbia - il documento che impegnava politicamente sindaco e giunta a riportare Olbia.it nel novero delle testate "accreditate".

La discussione, molto animata, è stata caratterizzata da alcune particolarità: il tentativo da parte della maggioranza di non votare la mozione (il ritiro è stato chiesto da diversi consiglieri), una sorta di "dossier" con alcuni articoli "esemplificativi" pubblicati dalla testata giornalistica olbiese oggetto della mozione, il tentativo di spostare il focus della discussione sulla passata amministrazione, la grinta dell'opposizione nel provare a riportare sempre al centro la discussione. Altro particolare importante, l'assenza del sindaco Settimo Nizzi.

Alla fine, dopo una lunga discussione, la mozione è stata respinta con il voto a favore di Bastianino Monni, unico consigliere di maggioranza a "spaccare" il fronte monolitico azzurro e a schierarsi con la libertà di stampa attraverso il voto: il tutto davanti ai rappresentati della stampa sarda, Francesco Birocchi (OdG Sardegna) e Celestino Tabasso (AssoStampa) che hanno definito la situazione grave e assurda. Il 10 aprile, a Olbia, si svolgerà un'assemblea generale della Federazione Nazionale della Stampa perché - ad oggi, con questa bocciatura e con la vicenda legata alla Nuova Sardegna - esiste un "Caso Olbia".

Politica

Politica