sabato, 23 gennaio 2021

Informazione dal 1999

Politica

Nomina Port Authority: il Partito Democratico si scaglia contro il Ministro Lupi

Nomina Port Authority: il Partito Democratico si scaglia contro il Ministro Lupi
Nomina Port Authority: il Partito Democratico si scaglia contro il Ministro Lupi
Angela Galiberti

Pubblicato il 14 settembre 2013 alle 12:14

condividi articolo:

Olbia - Mentre il Pdl - calmo e sornione - aspetta l'esito della seduta del 20 Settembre in cui si voterà il bilancio olbiese (e, guardando un po' più lontano, l'epilogo del Governo Letta), il Partito Democratico - che ancora fatica a trovare una vera unità interna - si scaglia contro la recente nomina di Fedele Sanciu a commissario straordinario dell'Autorità Portuale del Nord Sardegna. Il circolo cittadino del Pd di Olbia non si scaglia contro l'ex senatore, bensì contro Maurizio Lupi, il Ministro dei Trasporti attualmente in carica. "Il Partito Democratico di Olbia - si legge nel comunicato stampa diramato ieri sera dal circolo cittadino - contrasta e condanna, con forza, questa scelta che rispondea vecchie logiche di lottizzazione clientelare, senza ritegno, e senza precedenti". Secondo il Pd olbiese, infatti, il Ministero non avrebbe seguito le regole istituzionali. "Il Ministero, anziché seguire le procedure ordinarie attraverso le intese istituzionali - sottolinea il Partito Democratico - ha scelto la via politica, per di più,individuando una figura non competente, senza la comprovata qualifica professionale nei settori dell'economia dei trasporti e portuale. Il nostro giudizio,fortemente negativo, è pertanto nel criterio che ha portato alla sua nomina". Per questi motivi, il Pd ha deciso di avviare nelle "sedi opportune, con tutti i mezzi possibili, una battaglia per il ripristino delle regole democratiche". All'epoca della scelta della cosiddetta "terna" di nomi, il Comune di Olbia indicò un solo nominativo, quello di Giorgio Spano (non certo del Pd, che avrebbe preferito indicare Ninni Chessa, oggi assessore al Bilancio). La Provincia di Olbia-Tempio, invece, indicò Fedele Sanciu/Gesuino Satta/Libero Balata. Mentre il Comune di Golfo Aranci fece i nomi di Fedele Sanciu e Giorgo Derosas. Da Sassari, invece, arrivarono i nominativi di Gavino Sini (tre nomination, l'unico in grado di competere politicamente e non con Sanciu), Giancarlo Acciaro, Luciano Mura, Eugenio Cossu.