Friday, 19 April 2024

Informazione dal 1999

Politica

La Maddalena, ex area militare: l'interrogazione del Pd

I consiglieri regionali Pd su bonifiche arsenale di La Maddalena

La Maddalena, ex area militare: l'interrogazione del Pd
La Maddalena, ex area militare: l'interrogazione del Pd
Olbia.it

Pubblicato il 02 April 2023 alle 11:58

condividi articolo:

Gallura. I consiglieri regionali Pd: Meloni, Ganau, Comandini, Corrias, Deriu, Moriconi, Pinna, Piscedda, hanno presentato un'interrogazione "sull'attuale stato di fatto della realizzazione delle opere di bonifica ambientale e rigenerazione urbana dell'area di rilevante interesse nazionale dell'ex area militare denominata "Arsenale militare ed ex area militare contigua molo carbone situata nell'Isola de La Maddalena" e sull'intendimento relativamente al destino del compendio di cui all'annuncio comparso sul siti internet della Investinitalyrealestate.com".

Si legge nel documento, "già in data 22 luglio 2020 è stata presentata dai sottoscritti apposita interpellanza al fine di ottenere risposte dal Presidente della Regione, nella sua qualità di Commissario straordinario del Governo, sulla mancata realizzazione dei lavori di Completamento delle opere di bonifica dello specchio acqueo ex Arsenale Militare di La Maddalena; la discussione in aula di detta interpellanza, avvenuta in data 6 luglio 2021, quindi circa un anno dopo la presentazione, non ha tuttavia sortito alcun effetto: non sono state fornite le risposte attese dai Consiglieri interpellanti e soprattutto dalla comunità Maddalenina; non è servito a sbloccare alcunché rispetto alla realizzazione delle opere; nulla si è mosso!".

"L'allora Assessore dei Lavori Pubblici, delegato a riferire, lamentava la "disastrosa situazione trovata" (si noti che a tale data erano trascorsi due anni e quattro mesi dall'insediamento della nuova amministrazione regionale) e riferiva di una delibera di marzo 2021 con la quale la Giunta regionale dispone il passaggio della competenza alla realizzazione delle opere di La Maddalena "in capo a OIS, la Società opere e infrastrutture Sardegna, che si sarebbe occupata, oltre che di eseguire tutte le operazioni della bonifica, anche dei progetti di riqualificazione urbana e di valorizzazione degli immobili presenti nell'area"; non è dato sapere se la "situazione disastrosa trovata" cui si riferisce l'Assessore dei Lavori Pubblici comprenda i 50 milioni di euro di fondi statali (35 fondi Fondo Sviluppo e Coesione e 15 Programma Operativo Cultura) ricuperati dalla Giunta precedente, e assegnati agli interventi in argomento e non è dato neppure sapere se detti fondi siano ancora disponibili (l'Assessore si riferiva a soli 15 milioni); considerato che: a distanza di quasi due anni dalla discussione dell'interpellanza di cui sopra, nulla pare essere ancora cambiato riguardo la realizzazione delle opere e la comunità Maddalenina attende e subisce un'altra stagione turistica dimezzata".

Prosegue il documento: "La DGR 9/23 del 12 marzo 2021 disponeva che "il Direttore generale degli Enti Locali e Finanze, unitamente al Direttore generale della Difesa dell'Ambiente, e al Direttore generale dei Lavori Pubblici, titolari del potere di spesa e quale struttura affidante della Regione Sardegna secondo le risorse assegnate e l'amministratore unico della società Opere e infrastrutture provvedano con urgenza alla stipula della convenzione di cui all'art. 7 della Convenzione Quadro, al fine di dare concreta ed immediata attuazione all'intervento" l'intervento in argomento risulta in effetti inserito nel piano industriale della società OIS 2022-2024, approvato dalla Giunta Regionale con la Deliberazione 35/ 105 del 22 novembre 2022, ma ricompreso tra quelli per i quali occorre ancora stipulare la convenzione e ciò, nonostante l'urgenza rappresentata nella deliberazione della Giunta di marzo 2021 (20 mesi prima); nel frattempo, sul sito internet Investinitalyrealestate.com, portale che propone opportunità di investimento in immobili pubblici, destinate ad operatori italiani ed esteri, compare il seguente annuncio per la cessione (o concessione) dell'intero compendio: "Compendio immobiliare, ex arsenale militare, ubicato nel Comune di la Maddalena, con splendida vista sull'omonimo arcipelago. L'immobile, un tempo parte di una strategica base navale militare, oggi rappresenta uno dei più significativi luoghi di attrazione dell'Isola che potrà essere riqualificato secondo un modello di valorizzazione turistico-culturale e diventare anche uno dei principali poli nautici del Mediterraneo occidentale."

"L'annuncio è poi ricco di particolari relativamente alle metrature delle aree e stabili, planimetrie fotografie e tutto quanto necessario per invogliare l'investitore eventuale; non è dato sapere, non si evince dall'annuncio, se la disponibilità dell'immobile sia limitata ad una concessione d'uso; occorre a tale proposito rammentare che a suo tempo il compendio di cui trattasi era stato affidato in concessione per la gestione turistica alla società Mita Resort srl e proprio la mancata bonifica delle aree inquinate che aveva determinato l'impossibilità dell'utilizzo, ha causato un contenzioso milionario con tale società oltre che un ammaloramento delle strutture realizzate e non utilizzate ne manutenute e che, solo grazie all'intesa Gentiloni-Pigliaru del 27 dicembre 2017, siglata a Palazzo Chigi, l'ex Arsenale è ritornato nella piena titolarità della RAS dopo 8 anni di stallo provocato dalle note vicende giudiziarie e la Mita resort, a seguito dell'accordo transattivo con la Protezione Civile nazionale, è stata liquidata con 21 milioni di euro; per quanto sopra, atteso il lungo tempo trascorso, i gravi danni subiti e subendi dai cittadini di La Maddalena e dalla Sardegna tutta"

 I consiglieri chiedono di "interrogare il Presidente della Regione nella sua qualità di Commissario straordinario del Governo per la bonifica ambientale e la rigenerazione urbana dell'area di rilevante interesse nazionale dell'ex area militare denominata "Arsenale militare ed ex area militare contigua molo carbone" situata nell'Isola de La Maddalena, per sapere:

1) quale sia l'attuale reale situazione relativamente alle attività di realizzazione delle opere di bonifica ambientale e rigenerazione urbana dell'area di rilevante interesse nazionale dell'ex area militare denominata "Arsenale militare ed ex area militare contigua molo carbone" situata nell'Isola de La Maddalena;

2) se i finanziamenti pari a complessivi 50 milioni di euro di fondi statali (35 Fondo Sviluppo e Coesione e 15 del Programma Operativo Cultura), intercettati dalla Giunta Pigliaru, siano ancora disponibili e assegnati alle opere in argomento;

3) quale sia l'intendimento circa il futuro del compendio in parola, anche in relazione all'annuncio comparso sul siti internet della Investinitalyrealestate.com;

4) chi risponderà del perdurante danno all'immagine della città di La Maddalena, e delle conseguenti ricadute negative sull'economia turistica dell'intera Sardegna.