Tuesday, 27 February 2024

Informazione dal 1999

Bianca, Cronaca

Golfo Aranci, nuovo pianoforte digitale per la scuola Armando Diaz

L’Amministrazione Comunale sostiene l’iniziativa scolastica della pratica corale

Golfo Aranci, nuovo pianoforte digitale per la scuola Armando Diaz
Golfo Aranci, nuovo pianoforte digitale per la scuola Armando Diaz
Ilaria Del Giudice

Pubblicato il 11 February 2024 alle 09:00

condividi articolo:

Golfo Aranci. La musica costituisce da sempre un collante sociale ed è un ottimo strumento educativo, in quanto si fa portavoce di un linguaggio comune e universalmente condiviso. L’Amministrazione Comunale, consapevole dell’importanza della musica a livello formativo e della sua utilità in termini di sviluppo e benessere sociale, ha di recente provveduto all’esigenza manifestata in maniera esplicita sotto forma di richiesta dalla scuola Armando Diaz, relativamente alla necessità dell’acquisto di un pianoforte digitale.

La comunità scolastica ha risposto con grande entusiasmo e gratitudine a tale gesto di vicinanza e sostegno proveniente dall’Amministrazione. Con parole cariche di apprezzamento, si esprime in merito la coordinatrice Silvia Asara: “Collaboriamo strettamente con il Comune di Golfo Aranci e posso confermare che ogni volta che ci siamo rivolti all’amministrazione abbiamo avuto una pronta risposta: dalla manutenzione e miglioramento dell’edificio (come l’acquisto dei condizionatori per farci lavorare bene durante i mesi estivi) al miglioramento delle attività didattiche con l’acquisto delle lavagne multimediali e l’adesione a progetti da loro consigliati. Infine, l’acquisto appunto del pianoforte. Quest’ultimo, grazie all’entusiasmo che ha suscitato, sta avvicinando tantissimo i ragazzi al mondo della musica. Il nostro obiettivo è quello di sfruttarlo al massimo per nuove e coinvolgenti attività interdisciplinari”.

Anche il professore di musica Bruno Mignanelli, si dichiara felice di una tale collaborazione tra istituzioni, motivando in termini educativi e di progettualità didattica l’utilità e l’attualità della richiesta dell’acquisto del nuovo strumento: “È estremamente importante poter contare sulle istituzioni quando si vuole arricchire il percorso didattico e formativo dei ragazzi per renderlo più accattivante e dunque più efficace, soprattutto per chi, come me, crede fortemente nel proprio lavoro e nella forza unificatrice ed inclusiva della musica. Sono davvero molto contento, infatti, che il Comune di Golfo Aranci abbia accolto favorevolmente la mia proposta di donare un pianoforte alla Scuola Media. Questo sta già consentendo ai ragazzi di cimentarsi nella “Musica Corale”, attività che ritengo fondamentale nell’Educazione Musicale, in quanto racchiude un valore educativo e sociale molto importante: cantare in un coro significa condividere emozioni e stati d’animo con l’insegnante, ma soprattutto con gli altri coristi; promuove il rispetto delle regole, l’ascolto dell’altro ed è una delle attività più inclusive esistenti. Il grande direttore d’orchestra Claudio Abbado, parlando della musica corale, diceva: “In un coro ogni persona è sempre concentrata sulla relazione della propria voce con le altre. L'ascolto dell'altro è quindi alla base del canto corale e in generale del fare musica insieme perché imparando a cantare insieme, si impara ad ascoltarsi reciprocamente. Il coro quindi, come l'orchestra, è l'espressione più valida di ciò che sta alla base della società: la conoscenza e il rispetto del prossimo, attraverso l'ascolto reciproco e la generosità nel mettere le proprie risorse migliori a servizio degli altri".

Infine, anche l’Amministrazione Comunale, non può che ritenersi soddisfatta della fruttuosa collaborazione creatasi tra istituzioni con l’obiettivo comune di uno sviluppo giovanile più armonioso e sano possibile, offerto questa volta dalla musica. Valeria Corso, assessora all’Istruzione dichiara: “Credo che sia indispensabile creare le condizioni affinché i ragazzi si cimentino con la pratica corale e strumentale, affinché possano scoprirsi protagonisti e, magari, proseguire anche in modo più motivato e consapevole lo studio dello strumento”.