lunedì, 26 settembre 2022

Informazione dal 1999

Generale, Lettere

Olbia: strade con cartelli come francobolli e pochi attenuatori d'urto

La segnalazione

Olbia: strade con cartelli come francobolli e pochi attenuatori d'urto
Olbia: strade con cartelli come francobolli e pochi attenuatori d'urto
Olbia.it

Pubblicato il 15 agosto 2022 alle 09:30

condividi articolo:

Olbia. Riceviamo e pubblichiamo la segnalazione di un automobilista olbiese.

"Gentile redazione, vorrei sottoporre all'attenzione dei lettori alcune fotografie scattate sulle strade di Olbia, in particolare la circonvallazione di Olbia e la nuova rotatoria ubicata nel Quartiere di Poltu Quadu. Quello che da un po' di tempo mi chiedo è come mai in alcuni punti "nevralgici" delle strade del Comune di Olbia manchino i cosiddetti attenuatori d'urto, ma non solo, non riesco a spiegarmi come mai alcuni svincoli importanti vengano segnalati solo con cartelli stradali che assomigliano per dimensione a dei veri francobolli. Sarà che ormai l'avanzata età incombe, ma a mio avviso gli unici cartelli degni della nostra città sono veramente pochi e alcuni di questi spiccano sul tratto di strada nei pressi dell'Ottimax.  Ora, non credo che agli automobilisti olbiesi sia sfuggito, soprattutto in estate, il "dannato" traffico che tutte le volte devono subire a causa dei viaggiatori indecisi ed insicuri nel dirigersi verso il tunnel che porta all'Isola Bianca, o anche verso la strada Maggiore Bonacossa che conduce a Poltu Quadu, o all'aeroporto di Olbia: il problema a mio avviso è anche a causa dei cartelli stradali a francobollo. Né sono sfuggiti alle cronache dei giornali gli incidenti stradali proprio in quel tratto di strada a causa di spericolate inversioni a U fatte nella maggior parte dei casi per aver sbagliato strada. Insomma lentezze del traffico che potrebbero essere notevolmente migliorate con una cartellonistica stradale adeguata, come per esempio quella che ( vedi foto in allegato) mostra lo svincolo per Golfo Aranci e Pittulongu, sebbene non ci sia, anche qui, nessun attenuatore d'urto, forse perché la strada è in salita? Non sono un tecnico, non so se della cartellonistica stradale se ne debba occupare il Comune di Olbia, la Provincia o il Cipnes però tutte queste cose, girando molto in auto mi sono saltate all'occhio.

Ricordo come fosse oggi quando, giungendo da Nuoro, mentre mi immettevo nella circonvallazione in direzione Ospedale Giovanni Paolo per poco non mi sono ritrovato a scontrarmi con la "signora morte" guidata da un turista tedesco.  A bordo di un bel camper lui, straniero, non aveva notato il cartello di divieto di accesso e si stava tranquillamente dirigendo in contromano verso di me.  E quello è un altro tratto di strada in cui è presente un terminale di barriera stradale senza alcun attenuatore d'urto. Ma dell'ultima magnifica rotatoria realizzata a Poltu Quadu, che pare un invito cronico agli imbuti di macchine, ne vogliamo parlare?, Tutti gli indecisi si fermano a leggere i cartelli stradali con caratteri improponibili. Insomma, ad Olbia è vero che la pazienza diminuisce con l'incremento del traffico, ma è anche vero che quest'ultimo potrebbe essere snellito con una buona segnaletica stradale, più chiara ed intuitiva e degna di una città che vuole candidarsi ad essere tra le più belle d'Europa, ma per troppi versi somiglia al paese più dimenticato della Sardegna".

Lettera firmata.