mercoledì, 08 dicembre 2021

Informazione dal 1999

Sport, Motori

Buddusò: il re di Tandalò è Abel Jurado

Una kermesse incredibile, ora si lavora per il prossimo anno

Buddusò: il re di Tandalò è Abel Jurado
Buddusò: il re di Tandalò è Abel Jurado
Olbia.it

Pubblicato il 18 novembre 2021 alle 17:50

condividi articolo:

Buddusò. Durante le cinque manches della Cronoscalata di Tandalò si sono sfidati gli specialisti dello sterrato, italiani e spagnoli in primis. La gara è iniziata sabato mattina con lo shake down, fondo molto umido ma ben preparato da Bemoter nelle settimane prima della gara.

Sabato tre manches, domenica la 4° e 5° prova speciale e il Manscione finale che ha decretato il nuovo Re di Tandalò Abel Jurado Palacio.

Sabato: nel Campionato Italiano Velocità su Terra, Categoria kartcross, in testa Christian Tiramani (Planet Kart cross K3) seguito da Simone Firenze (Semog Bravo Sport) e Marcello Gallo (kartcross Life Live). Nella categoria Junior Buggy il migliore è stato Mario Masala (kartcross Yacar), nella categoria Tax a primeggiare è Natale Casalboni con la sua Mitsubishi Lancer Evo IX. Nella categoria Super Buggy troviamo in testa il Campione italiano in carica Davide Casarin (Hosek Ford 2300T), seguito da Emanuele Consoli (Jvdc2x1000 Suzuki) e terzo Dino Semenzato (Romsport01). Nella categoria Buggy 1600 in testa è Stefano Visentini (Buggy Elektra BMW 1300) seguito da Alessandro Gizzi (Peterautosport Suzuki). Nel Gruppo 1 in testa Pierpaolo Caputo (Peugeot 205Rally) seguito da Andrea Tonoli (Punto 2000).

A fine giornata del Campionato Italiano Velocità Fuoristrada il più veloce è stato Duilio Lunardi (Can-am) seguito da Ivano Nicoletta (Peugeot 205 T20) e Luca Pagani (Polaris). Nella gara Atipica Sperimentale il più veloce è stato lo spagnolo Javier Ramilo su kart cross Yacar seguito da Fabrizio Marrone e Francesco Fresu su Peugeot 208 R5 e dall’altro spagnolo Abel Jurado su kart cross Yacar. Da segnalare che l’ex pilota italiano del WRC Gigi Galli ha vinto la Prova Speciale 3.

Domenica: sotto un cielo grigio ma un terreno perfetto, è iniziata la fase finale della gara. Sulla prima salita della giornata, la manche 4, hanno primeggiato Gigi Galli nelle Atipiche Sperimentali, che sul fondo più scivoloso ha tirato fuori il suo talento e la sua esperienza, Claudio Esposto nella Velocità Fuoristrada, Marcello Gallo nella Velocità su Terra, che affilava le armi per difendere il suo titolo di Re di Tandalò 2019. Alla quinta ed ultima manche la pioggia ha scombussolato un po’ le carte e le classifiche. Nell’Atipica Sperimentale ha vinto la manche Abel Jurado Palacio, che si aggiudica anche la gara.

Nella Velocità su Terra vince Simone Firenze che si aggiudica anche la gara, seguito da Christian Tiramani e Gallo. Nella Velocità Fuoristrada vince la quinta manche Emanuele Lagrotteria- Emanuele Gaggero e si aggiudica la gara. Terminate le gare si è arrivati al momento più atteso del weekend, l’elezione del Re di Tandalò 2021.

Solo i migliori 30 piloti delle varie categorie hanno potuto sfidarsi nell’ultima salita che avrebbe decretato il miglior pilota della gara 202. Una salita “secca”, il Manscione finale, dove tutti hanno dato il massimo, dove quest’anno è tornato a primeggiare il pilota Spagnolo Abel Jurado su Kart Cross Ya-Car. Il tempo realizzato non è stato il più veloce della gara perché il fondo era diventato molto viscido a causa della pioggia scesa nella pausa ma comunque è stato il più veloce di tutti. Una grande soddisfazione per l’organizzazione è stata il successo tra i navigatori in gara di Michela Imperio, con Daniele Griotti al volante. Un collegamento spettacolare tra ciò che Nicola ci ha lasciato e quello che la piccola grande Michela ha perfettamente ereditato: talento, gentilezza, simpatia e tanta serietà.