Sunday, 26 May 2024

Informazione dal 1999

Bianca, Cronaca

Olbia, viaggio da incubo in traghetto: la testimonianza

Diverse le lamentele dei passeggeri dei traghetti per arrivare nell'Isola

Olbia, viaggio da incubo in traghetto: la testimonianza
Olbia, viaggio da incubo in traghetto: la testimonianza
Olbia.it

Pubblicato il 31 August 2023 alle 08:40

condividi articolo:

Sardegna. Il problema dei viaggi da e per la Sardegna è un problema purtroppo sempre attuale. Tra difficoltà legate alle poche tratte disponibili, ai prezzi, alla continuità territoriale, ai ritardi degli aerei e al degrado dei traghetti le questioni da risolvere sono sempre di più. Quest'estate i disagi legati ai trasporti sono stati veramente spiacevoli e sono state tante le segnalazioni sia da parte di coloro che abitano nell'isola e dovevano spostarsi per questioni di lavoro o per le vacanze, sia da parte di tutte le persone che, dal resto d'Italia, sono partite per venire a passare l'estate qui e si sono trovate in situazioni imbarazzanti e poco gradevoli.

Il più recente episodio di tratta giornaliera da incubo è stato documentato da una ragazza che si stava recando in Sardegna per le vacanze e ha girato un video, all'interno della nave che partiva da Genova per arrivare a Olbia, che riprende tutto il degrado presente all'interno del mezzo: "persone, tra cui molti bambini, buttate a terra insieme agli animali, sporcizia, bagni già inutilizzabili dalla mattina, aria condizionata che non funziona, moquette che non viene mai pulita e cabine che non si possono prendere poichè, pur pagando per tutta la durata del viaggio, se ne può usufruire solo per poche ore effettive" questa la descrizione. 

"Il problema non è che la Sardegna è troppo cara, il vero problema sono i trasporti, che sono diventati dei veri e propri beni di lusso, ma di lusso non hanno niente se non il prezzo. Se una persona soffre di allergia o ha paura degli animali sicuramente non può prendere la nave e la cabina non si può acquistare perchè costa parecchio e le ore in cui puoi rimanere effettivamente tranquilla al suo interno sono sicuramente di meno rispetto a ciò che paghi, perchè per la tratta giornaliera puoi stare in cabina solo 3 ore e per quella notturna ti fanno uscire un'ora prima dell'attracco in porto. Nel traghetto i canili ci sono ma non vengono usati e non sarebbero comunque sufficienti, insomma l'abbandono dei mezzi di trasporto in Italia è allucinante" ha concluso la giovane.