lunedì, 23 maggio 2022

Informazione dal 1999

Cronaca

Olbia: ** VIDEO ** incastra i lanciatori di sacchetti

Olbia: ** VIDEO ** incastra i lanciatori di sacchetti
Olbia: ** VIDEO ** incastra i lanciatori di sacchetti
Angela Galiberti

Pubblicato il 09 settembre 2016 alle 12:36

condividi articolo:

Olbia, 09 Settembre 2016 - Tolleranza zero: è ciò che i cosiddetti "lanciatori di sacchetti", vale a dire coloro che buttano la spazzatura per strada per evitare la raccolta differenziata, dovranno aspettarsi a partire dalle prossime settimane.

L'inciviltà di questa fastidiosa minoranza di olbiesi e turisti sta mettendo a dura prova sia il Comune di Olbia che la De Vizia. "Da una parte la raccolta differenziata ha dato ottimi risultati, dall'altra la scarsa attenzione di alcuni residenti e turisti sta mettendo a dura prova l'accoglienza del servizio da parte della cittadinanza - ha detto il sindaco di Olbia, Settimo Nizzi -. Le critiche sono tantissime. Il ritrovamento di grandi quantità di rifiuti abbandonati è continuo. Ci siamo incontrati più volte con gli Uffici tecnici e la De Vizia. Ad oggi stiamo cercando di aggiustare il tiro e speriamo di ottenere dei risultati".

Tra Luglio e Agosto, la De Vizia ha raccolto 5.500 sacchi di spazzatura non differenziata disseminata in tutta la città. Un lavoro poderoso che, però, spesso non viene neanche notato dalla popolazione perché i "lanciatori di sacchetti" sporcano nuovamente tutto dopo poche ore.

"Questa è un'opera immane - spiega il sindaco di Olbia -. La Polizia Locale sta facendo le indagini. Le sanzioni sono severe, partono da 250 euro, ma ci sono delle situazioni che non si risolvono. Il condominio di via Longhena continua a non differenziare. Oggi incontreremo il responsabile di un centro commerciale per fare il punto della situazione. Se non controlleranno a dovere la zona, chiuderemo i parcheggi di nostra competenza".

Cosa rischia un lanciatore di sacchetti? 250 euro di multa, certo, ma non solo. Il cittadino che viene pizzicato mentre inquina l'ambiente riceverà un controllo approfondito su tutto: dalla casa alle tasse, passando per il bollo auto, l'assicurazione, i pagamenti della tari, la presenza dei mastelli e così via. Il tutto in collaborazione con l'Agenzia delle entrate e la Guardia di Finanza.

Sul fronte comunicazione, l'obiettivo è creare una linea diretta tra cittadini, De Vizia e Comune di Olbia. "Attiveremo una chat - ha spiegato Settimo Nizzi - a cui parteciperanno il Comune, la De Vizia e gli olbiesi. Nella chat potranno essere fatte le segnalazioni e in tempo reale bisognerà intervenire. Vogliamo creare un filo diretto, senza passare per numeri verdi sempre occupati". Il centralino della De Vizia, infatti, è sempre occupato: sono oltre 150 le telefonate-richieste che devono essere evase dagli operatori del Centro Servizi, più le mail che arrivano in continuazione e le segnalazioni via applicazione.

L'obiettivo del Comune è da una parte colpire duramente i trasgressori, dall'altra migliorare il servizio con alcune correzioni. "Nel centro storico abbiamo messo delle regole più severe per il decoro urbano - ha continuatoil sindaco - e le abbiamo messe per tutti. I cittadini non devono per forza svegliarsi alle 6 per mettere il mastello fuori, lo possono fare dalle 6:30 alle 08. Poi deve passare la De Vizia. C'è il tempo per fare tutto. Generalmente alle 7 si è svegli".

Altro punto affrontato riguarda gli ecocentri mobili. "Stiamo già ultimando un Ecobox davanti al Museo Archeologico che servirà alla zona portuale e non solo. Ci sono le telecamere e per accedere basta strisciare un codice fiscale o una carta di credito. Tutti potranno usarlo, residenti e non - ha detto Nizzi -. Pensiamo di attivarne altri quattro".