Sunday, 16 June 2024

Informazione dal 1999

Annunci, Bianca, Cronaca, Eventi

Olbia, l'arte sempre protagonista al The Green Life

Ecco Sara Bachman: Le amiche di Freya con la tematica Savage Flowers

Olbia, l'arte sempre protagonista al The Green Life
Olbia, l'arte sempre protagonista al The Green Life
Ilaria Del Giudice

Pubblicato il 21 April 2024 alle 10:00

condividi articolo:

Olbia. Continuano le esposizioni nello Showroom The Green Life, uno spazio non convenzionale dove si promuove arte, cultura e tradizione. Da 3 anni presente nel cuore del centro storico di Olbia, organizza esposizioni artistiche dove ogni mese da spazio a diversi artisti del territorio e non. Lo scopo è di rendere l’arte accessibile a tutti e non reclusa esclusivamente nelle bianche mura di un museo. L’arte è contestualizzata insieme alle creazioni di numerosi artigiani e designer. L’anno è iniziato con l’esposizione dedicata al carnevale con le opere della designer Mara Damiani e le maschere in vetro dello storico vetraio Olbiese Enzo Lizzano. La novità di questa stagione estiva vede artisti che sono intervenuti su un’etichetta di una cantina di vino così da collezionare, far scoprire e proporre etichette d’autore all’interno dello spazio artistico. Ora Sara Bachman e Le amiche di Freya inaugurano la primavera dato che le sue nuove opere sono in perfetta tematica: Savage Flowers. È il desiderio di una natura svelata, piccoli fiori che mostrano per la prima volta l’anima femminile e che portano in sè creature che creano sè stesse, come la natura dolce e selvaggia, come essenza, come anima di ogni pianta del creato, come ogni fiore porta il suo colore e profumo che cura corpo e mente.

“Green is the new black”: il verde è il nuovo nero. La natura selvaggia ci richiama per essere ascoltata e rispettata. Il nuovo progetto artistico di Sara Bachmann, chiamato “Savage Flowers” rappresenta il suo legame con la natura, in particolare quella che si trova in Sardegna. I piccoli fiori selvatici diventano macroscopici elementi naturali grazie ai pennelli dell’artista, in modo da mostrare la meraviglia delle loro forme e dettagli. Così lo Spazio The Green Life è un’esplosione di colore e fiori, di profumi primaverili. Sara Bachman è stata coinvolta per la creazione dell’etichetta del Cannonau riproponendo le sue iconiche donne dai costumi etnici del territorio. Durante l’inaugurazione dell’artista è stato dato il benvenuto anche alla nuova collezione primavera/estate 2024 della stilista Giovanna Campisi; i suoi abiti sono stati ispirati proprio dalle opere dell’artista Sara Bachman. La collezione si chiama STUDIO SS2024, ed è una collezione progettata come "opere d'arte", acquarellate, curate nel dettaglio e nei materiali. Sete preziose e trasparenze si alternano al cotone biologico con applicazioni realizzate grazie all’impiego di preziosissimi materiali di recupero. È la collezione STUDIO spring/summer 24, così denominata per esaltarne il processo creativo e la sua particolarità.

Il percorso formativo di Sara Bachman comincia in Danimarca, sua terra d’origine, con una formazione artistica accademica perfezionata poi a Firenze, dove concluderà gli studi con una ricerca sul rapporto tra la moda e l’arte contemporanea. Il suo filone, battezzato “Le Amiche di Freya”, segue il connubio tra la sua visione figurativa di soggetti femminili e la ricerca iconografica della donna sarda affrontata invece dal suo compagno, Gianni Crobe, un architetto di origini sarde. Ispirati entrambi dai giochi d’infanzia della loro figlia “Freya”, cominciano una intensa produzione di ritratti caratterizzati da figure femminili stilizzate da visi lunari e da grandi occhi profondi. Il filo conduttore è però il costume tradizionale dei diversi paesi della Sardegna che diventano un tutt’uno con il linguaggio pittorico di Sara Bachmann, che riesce a proporre una forte umanizzazione dell’immaginario femminile. “Le Amiche di Freya” sono diventate in poco più di quattro anni la rappresentazione stilizzata e onirica della giovane donna in costume, una versione che piace molto al pubblico collocandosi umilmente tra le più innovative proposte creative del momento.

Ecco alcune opere: