lunedì, 12 aprile 2021

Informazione dal 1999

Cronaca, Sport, Bianca, Altri Sport

Olbia, il centro sportivo Full Hd si reinventa: ecco le loro attività

Il centro, aperto a tutti, racconta le difficoltà legate alla pandemia

Olbia, il centro sportivo Full Hd si reinventa: ecco le loro attività
Olbia, il centro sportivo Full Hd si reinventa: ecco le loro attività
Camilla Pisani

Pubblicato il 05 marzo 2021 alle 06:00

condividi articolo:

Olbia. Lo sport, si sa, è molto più che un modo per muovere il corpo: ogni disciplina ha la sua peculiarità e la sua etica, ma ognuna è in grado di trasmettere a chi la pratica il valore della socialità, l’importanza del fair play e del divertimento oltre la competizione.

Ed è proprio sotto l’egida di quest’idea che nasce il centro sportivo Full Hd: un nome particolare, che vuol richiamare il concetto di sport ad alta definizione, lo stesso portato avanti dagli sportivi Fabrizio Biancu e Raimondo Degortes.

“L’associazione è aperta a tantissime discipline, con un approccio multisportivo e rivolto a tutti, così come fortemente desiderato dal presidente Raimondo Degortes, i consiglieri Francesco Degortes, Federico e Gianmario Deiana. L’idea era quella di allenarsi sia tra noi, sia integrando qualche allenamento con le altre società sportive olbiesi. Da ogni sport è possibile trarre molti aspetti che vanno al di là di quello prettamente fisico, e sono quelli che riguardano il campo psicologico, etico e amicale. Prima del Covid, avevamo già stretto dei contatti con altre realtà sportive, organizzando anche delle giornate sullo sport integrativo, inteso come strumento universale, che andasse a ricercare quegli aspetti che vanno oltre i risultati, il podio, ma che valorizzano le relazioni, la crescita e il divertimento” racconta Fabrizio Biancu.

Purtroppo, come per moltissime altre associazioni, la pandemia ha segnato uno stop forzato, che ha scompaginato i piani e i progetti in corso, ma soprattutto ha sovvertito la prospettiva: “ci siamo fermati, e anche se nel periodo estivo avremmo potuto organizzare qualche incontro, abbiamo deciso di declinare le offerte, avendo a che fare con persone fragili. A quel punto abbiamo capito che per andare avanti avremmo dovuto reinventarci; abbiamo abbandonato l’idea del judo, del basket, della boxe, virando la nostra offerta su attività completamente all’aperto. Quando è stato possibile, ci siamo dedicati alla pratica del paddle, ma soprattutto abbiamo fatto e tuttora facciamo moltissimo trekking, utilizzando la formula del trekking culturale, unendo il momento sportivo alla scoperta di siti archeologici interessanti. Ci siamo scoperti pescatori, andando almeno una volta alla settimana in spiaggia a pescare; una delle attività più apprezzate è la nostra ginnastica e studio della tecnica col pallone. Quest’ultimo è molto importante perché permette di approfondire alcuni aspetti, come la coordinazione, controlateralità, equilibrio, che aiutano i ragazzi a sviluppare abilità importanti per la loro autonomia” spiega lo judoka Biancu.

Il Centro Sportivo Full HD vuol essere infatti un luogo profondamente inclusivo, all’interno del quale le differenti abilità di ognuno non facciano da discrimine ma da stimolo, quando non da collante: il concetto di inclusività è certamente qualcosa di molto complesso da mettere in pratica, soprattutto in una città che, strutturalmente, ha molte difficoltà a tener conto delle esigenze di tutti (laddove questo “tutti” racchiude necessariamente una varietà eterogenea i cui punti cardine sono minori, anziani e disabili), dunque l’ambizione di questa associazione è un bene prezioso per l’intera comunità olbiese.

“Fortunatamente, il Covid ci ha penalizzato dal punto di vista organizzativo e strutturale, ma per quanto riguarda le attività da svolgere con i ragazzi le idee e l’entusiasmo non sono mancati; nel momento in cui c’è la possibilità di uscire per cercare funghi o asparagi, quei momenti diventano occasioni di sport e di crescita, di conoscenza e divertimento. Oltre allo sport di gruppo, svolgiamo anche attività individuali personalizzate, anche quelle rigorosamente all’aperto, meteo permettendo” conclude l’allenatore.

L’attività del centro sportivo Full HD potrebbe rappresentare, per Olbia, l’emblema di quel vastissimo campo che è l’inclusione sociale: utilizzando lo sport come linguaggio d’elezione, i ragazzi, supportati dagli allenatori, imparano lo scambio, il confronto, l’abbattimento del pregiudizio; ognuno con le sue particolari abilità, imparando insieme ad abitare la vita.