lunedì, 26 settembre 2022

Informazione dal 1999

Cronaca, Bianca

Olbia, Red Valley senza panini olbiesi: quattro ambulanti allontanati da zona esterna

"Avevamo un nulla osta Cipnes"

Olbia, Red Valley senza panini olbiesi: quattro ambulanti allontanati da zona esterna
Olbia, Red Valley senza panini olbiesi: quattro ambulanti allontanati da zona esterna
Angela Galiberti

Pubblicato il 13 agosto 2022 alle 13:41

condividi articolo:

Olbia. Red Valley Festival al via per la prima volta a Olbia, ma senza i "caddozzi" olbiesi. Ieri mattina quattro commercianti olbiesi, specializzati nella vendita di gustosi panini attraverso i loro food truck, sono stati allontanati dall'area del festival nonostante avessero un nulla osta del Cipnes.

Un vero e proprio incidente diplomatico, se non peggio, che è costato agli esercenti esercenti quattro giorni di lavoro in meno e un potenziale incasso piuttosto consisente. A raccontare tutto è Antonio Deliperi, che si fa portavoce per tutti i suoi colleghi. "Abbiamo avuto l'autorizzazione del Cipnes via pec e abbiamo subito fatto gli ordini - spiega -. Abbiamo preso 2000 panini, due quintali di salsiccia, cavallo e così via. Ieri mattina, con l'autorizzazione in mano, siamo andati nelle aree concesse dal Cipnes. Tempo 10 minuti è arrivata la Polizia Locale per fare i controlli".

Il Cipnes, che è titolare dell'area in cui si svolge il festival, aveva concesso ai quattro commercianti olbiesi un piccolo spazio ricavato nei parcheggi che si trovano davanti all'Agenzia delle Entrate. Non a ridosso della ex Novamarine, ma abbastanza vicino per offrire un servizio ai giovani in attesa di entrare nell'area concerti. Nulla, in ogni caso, che potesse impensierire la macchina del festival, dotata di importanti punti ristoro all'interno.

"All'inizio sono stati cortesi, poi dal Comando hanno avuto ordine di farci andare via perché loro non avevano ricevuto nulla e alla fine ci hanno fatto un verbale per essere entrati in zona vietata. Abbiamo anche sentito il Cipnes e loro ci hanno detto che, dato che non vendevamo alcolici, non avevamo vincoli".

La natura del problema non è chiara: magari i due enti avrebbero dovuto comunicare tra loro e scambiarsi delle informazioni? Manca un nulla osta ulteriore e/o il nulla osta Cipnes è insufficiente? Magari c'è stato un misunderstanding oppure gli ambulanti avrebbero dovuto fare richiesta di occupazione temporanea al Comune anche se l'area è di proprietà del Consorzio industriale come è scritto nel nulla osta?

Fatto sta che gli esercenti olbiesi hanno fatto richiesta, hanno ricevuto il nulla osta, hanno pagato il suolo pubblico al Cipnes e i diritti Suape al Comune. Nelle ordinanze non esiste un divieto alla vendita di panini nell'area del concerto (ma solo di alcolici). Tant'è che tutti gli esercizi "fissi" che si sono organizzati offrono i suddetti panini in vendita. 

"Tutte le volte è così - continua l'esercente olbiese -. Non è la prima volta che accade. Contesteremo sicuramente il verbale, noi eravamo autorizzati a entrare".

Al di là di tutto, per i commercianti olbiesi rimane l'amarezza per non aver potuto lavorare nella propria città.