Friday, 19 July 2024

Informazione dal 1999

Cronaca, Nera

Scandalo in Sardegna: gattino gettato dal ponte diventa caso nazionale

La manifestazione organizzata il prossimo 14 luglio

Scandalo in Sardegna: gattino gettato dal ponte diventa caso nazionale
Scandalo in Sardegna: gattino gettato dal ponte diventa caso nazionale
Giada Muresu

Pubblicato il 09 July 2024 alle 11:50

condividi articolo:

Ilbono. L'indignazione e la rabbia continuano a crescere in tutta Italia dopo la diffusione virale di un video choc, nel quale dei ragazzi hanno brutalmente lanciato un gattino da un ponte, suscitando una reazione di orrore e sdegno tra i cittadini e sulle piattaforme social.

L'episodio ha innescato una serie di reazioni da parte dell'opinione pubblica e di esponenti politici, inclusi nomi di rilievo come il ministro Matteo Salvini e Michela Brambilla, presidente della Lega Italiana Difesa Animali e Ambiente. La vicenda ha portato anche Enrico Rizzi, noto attivista per i diritti degli animali, a organizzare una manifestazione che si terrà il prossimo 14 luglio proprio a Ilbono.

La Taffo, agenzia funebre attiva sui social, ha condiviso il proprio sconcerto e la propria indignazione tramite un post intitolato "La stupidità non muore mai". Nel messaggio, l'agenzia critica aspramente la tendenza a cercare visibilità sui social attraverso azioni estreme e crudeli, definendo il gesto contro il gattino come un esempio eclatante di questa "piaga sociale".

"Questa tendenza a esagerare per ottenere visibilità sui social è una piaga sociale - scrivono -. Non troveremo mai le parole adatte per esprimere il dolore che porta con sé una morte tanto ingiusta. Ma possiamo parlarne per impedire che succeda di nuovo".

Il caso ha scatenato un acceso dibattito sulle responsabilità dei ragazzi coinvolti, nonché sulle implicazioni più ampie dell'uso irresponsabile dei social media. Le polemiche non si limitano solo alla condanna dei gesti degli autori, ma si estendono alle famiglie e alla comunità di Ilbono, coinvolgendo l'intera Sardegna in una discussione sulla giustizia e sulla protezione degli animali.

La manifestazione organizzata da Enrico Rizzi, prevista per il 14 luglio, si propone di essere un momento di mobilitazione e di sensibilizzazione contro la crudeltà verso gli animali. L'attivista ha invitato il pubblico a partecipare attivamente per esprimere solidarietà nei confronti dell'animale ucciso e per promuovere una cultura di rispetto e protezione degli esseri viventi. Le autorità locali stanno monitorando da vicino la situazione, mentre sul web l'indignazione continua a crescere, alimentata da una serie di messaggi di condanna e di supporto alle iniziative di protesta.

Resta ora da vedere quale impatto avranno le prossime azioni sul dibattito nazionale e sulla legislazione in tema di protezione degli animali. La comunità si prepara dunque ad accogliere un evento che, oltre a essere un segno di protesta, potrebbe rappresentare un momento cruciale nella lotta contro la violenza sugli animali in Italia.