giovedì, 04 marzo 2021

Informazione dal 1999

Cultura, Arte e Spettacolo, Musica

Luna Melis, dalla Sardegna ad X Factor: ecco chi è l'astro nascente della trap

Tra musica e televisione, i progetti per il futuro della giovanissima cantante sarda

Luna Melis, dalla Sardegna ad X Factor: ecco chi è l'astro nascente della trap
Luna Melis, dalla Sardegna ad X Factor: ecco chi è l'astro nascente della trap
Camilla Pisani

Pubblicato il 17 febbraio 2021 alle 06:00

condividi articolo:

Olbia. “Non c’è un c***o da fare, ci nascono!”: vale la la pena di recuperare la colorita esclamazione che la discografica Mara Maionchi dedicò, ormai quattro anni fa, all’esordio della giovanissima Luna Melis.

Sì, non c’è proprio niente da fare, col talento ci nasci, e la parabola in ascesa della cantante Luna Melis sembra esserne la conferma assoluta: esordisce a soli 8 anni, vincendo su quaranta voci in categoria unica, passando per Io Canto dove, nel 2011, arriva terza in classifica, consacrando la sua vocazione artistica ad X Factor, palcoscenico che, oltre a regalarle la medaglia di bronzo, le permette di conquistare il grande pubblico.

Sostenuta da sempre dalla sua famiglia e, all’interno del programma, dal coach Manuel Agnelli, Luna esprime la sua dote da animale da palcoscenico anche tramite la conduzione, nel 2019, del daily di X Factor, ed esplorando il mondo della pubblicità.

Ma la musica rimane il suo più grande amore: per l’etichetta Sony Music rilascia vari singoli che confluiscono nel primo EP “2002”, prodotto da Big Fish (mentore e amico della cantante sarda), coinvolgendo artisti di fama come Chadia Rodriguez, Valerio Mazzei, Kayler, Devil A, Enzo Dong.

Il desiderio di esprimersi sfocia anche in un libro, “Forte come un sogno” (2020, Mondadori Electa) nel quale la giovane artista si racconta, svelando la sua intensa personalità: in ognuna di queste esperienze Luna trionfa, diventando una vera e propria icona per gli under 20.

“La fine del 2020 è stato un periodo particolare, per via della pandemia- racconta Luna – e gli unici lavori che sono usciti erano legati perlopiù alle collaborazioni con i brand come Just Dance.

Adesso mi sto rimettendo finalmente al lavoro su lavori musicali esclusivamente miei, e già nelle prossime settimane usciranno alcune news. Sto lavorando a diversi progetti, per ora ancora in fase preliminare, di cui parlerò prossimamente.

La cosa che spero fortemente è che si riesca a tornare a fare performance live, perché è una dimensione che mi manca tantissimo”.

Il 2020, pur avendo segnato un’evidente battuta d’arresto per i performer, ha favorito l’aspetto introspettivo e di ricerca artistica: “ho avuto modo di riflettere moltissimo sulle mie scelte nella musica, e dopo un periodo di intensa introspezione, ho capito di voler fare R’n’B. I miei prossimi lavori, che usciranno tra qualche settimana, vedranno una Luna più matura, più cresciuta e certamente diversa.

C’è stato questo stacco che ha definito un percorso di evoluzione nella mia musica, con l’esperienza ho capito di avere molte più cose da raccontare”.

La cantante originaria di Uta, a soli 19 anni ha già segnato parecchi traguardi, ma è cristallino che non desideri adagiarsi sugli allori: quali sono, allora, i sogni nel cassetto dell’esplosiva Luna?

“Ho nel cuore, da sempre, il desiderio di esibirmi al Madison Square Garden. Lo sogno da quando ero bambina, è qualcosa di assurdo, ma non impossibile” sorride l’artista.

E ancora: “Un’altra cosa che sogno, da quando ho assistito ad un concerto dei Rolling Stones, è potermi esibire sulla spiaggia di Copacabana. Più in generale, relativamente alla mia carriera, quello che spero è sfondare a livello internazionale, facendomi conoscere anche oltreoceano. Lo spero e farò di tutto per farlo accadere, come sempre”.

Per quanto riguarda l’esperienza televisiva, Luna ha fatto esperienza sia nel ruolo di concorrente, sia nel ruolo di conduttrice: “il mondo televisivo e quello musicale sono allo stesso tempo molto simili ma diversi. Partecipando come concorrente, l’esperienza è certamente meno costruita, più riferita a te stessa, mentre nella conduzione va seguito un copione; per fortuna però, ho avuto degli autori che hanno rispettato la mia personalità e il mio modo di essere e hanno saputo modellare i copioni facendomi rimanere me stessa. Il ruolo di conduttrice mi è piaciuto molto, e non escludo che in futuro possa esserci un ritorno in questo senso…chissà, magari potrei condurre proprio X Factor”, conclude Luna.

Diciannove anni, capelli da leonessa e un talento che spacca: il futuro di questa giovane cantante sembra già scritto, e c’è da scommettere che non si fermerà tra le mura nazionali; uno stile così peculiare ed una dedizione alla musica assoluta non sono moneta comune. La carriera di Luna Melis sta solo scaldando i motori: non c’è niente da fare, lei c’è nata.