Monday, 15 July 2024

Informazione dal 1999

Fotografia, Generale, Olbiachefu

Gli scatti dell’olbiese Davide Sibiriu raccontano la natura della nostra Isola

Il fotografo olbiese è riuscito ad immortalare un folto gruppo di cicogne bianche proprio a Olbia

Gli scatti dell’olbiese Davide Sibiriu raccontano la natura della nostra Isola
Gli scatti dell’olbiese Davide Sibiriu raccontano la natura della nostra Isola
Patrizia Anziani

Pubblicato il 01 April 2023 alle 15:00

condividi articolo:

Olbia. A volte le dinamiche della vita portano a fare scelte professionali e personali fin da giovanissimi che per fortuite combinazioni sono in grado di far esprimere il meglio di se stessi, senza troppa consapevolezza, perché basta lasciare agire le proprie inclinazioni. Così capita a volte che, per spezzare la quotidianità di un lavoro fatto con attenzione, precisione manuale e tanta responsabilità in un laborioso cantiere ultramoderno che si affaccia sul bel nostro mare olbiese, si scelgano degli interessi di svago diametralmente opposti, ovvero immergendosi completamente nella natura alla ricerca di sentieri tra i monti più aspri e selvaggi della nostra Isola anche solo per vivere magiche emozioni, poesia, senso di libertà.

Davide Sibiriu ha cominciato a lavorare a 16 anni senza perdere troppo tempo nel chiedersi “cosa farò da grande” perché il tempo è prezioso. Oggi ha 32 anni e quando è libero dal lavoro ama girare la Sardegna in compagnia della sua fidanzata Federica Zucca. Con lei e la sua terza immancabile compagna, una Nikon D500, condivide viaggi ed avventure sempre alla ricerca dei posti più remoti anche per fotografare luoghi, persone e gli animali più selvatici, particolarmente schivi. Da soli, o in compagnia di amici, niente è lasciato all’improvvisazione. Davide e Federica condividono tante passioni e con zaino in spalla organizzano sempre viaggi nei luoghi più remoti.  Costa Rica, Marocco, Thailandia, Canarie sono solo alcuni dei paesi del mondo da loro visitati partendo sempre ben equipaggiati anche per eventuali soste notturne all’aperto. “In Sardegna facciamo escursioni da circa otto anni. La passione per la fotografia è arrivata subito dopo, perché quando si è circondati da tanta bellezza si ha il bisogno di fermare il tempo anche solo per un attimo, uno scatto. In montagna ci capita spesso di svegliarci all’alba per fare delle foto agli animali". 

Così ci racconta Davide spiegando di aver cominciato a scattare foto da autodidatta, studiando e scegliendo fin da subito con cura macchina fotografica ed accessori. Il suo repertorio fotografico spazia dai volti ai paesaggi della nostra Sardegna con attenzione particolare agli animali più inavvicinabili come cervi, mufloni, daini e rapaci.

“Per la fotografia ogni stagione è la migliore perché cambiano le luci, le atmosfere, i colori. In inverno puoi cogliere un’espressione di un animale in mezzo alla neve, in primavera fotografare una femmina di muflone che allatta. Sono emozioni uniche ed irripetibili”.

 Di recente Davide è riuscito ad immortalare un consistente gruppo di cicogne bianche (Ciconia ciconia) proprio a Olbia. Un fatto insolito per la nostra città che ha suscitato molto entusiasmo tra i numerosissimi internauti che hanno avuto modo di apprezzare le foto nell’articolo di Olbia.it ricambiando con numerosi like. La cicogna bianca, detta anche europea è una delle specie di fauna selvatica particolarmente protetta ai sensi dell’articolo 5, comma 3, dalla Legge regionale 29 luglio 1998, n°23.

 “Sono stato avvisato da un caro amico che ha visto le cicogne in località Sa Istrana. Ho caricato l’attrezzatura in macchina e mi sono recato sul posto. Insieme le abbiamo non solo osservate mentre cercavano cibo nel terreno, ma le abbiamo anche contate: erano ventuno”. Nel congedarsi Davide non nasconde la gioia di aver documentato un evento molto particolare: “Sono contento di averle fotografate in gruppo perché ritengo che per Olbia un così alto numero di cicogne non sia mai stato accertato, con la speranza che nessuno le disturbi o le spaventi e che qualcuna di loro si fermi per mettere su famiglia”.  Se volete ammirare gli album fotografici di Davide Sibiriu cliccate qui.