Tuesday, 27 February 2024

Informazione dal 1999

Cultura, Storia

Dionigi Panedda a Monti: Erèntzia chiude l’attività del 2023 con un nuovo successo

L'associazione montina annuncia un nuovo progetto

Dionigi Panedda a Monti: Erèntzia chiude l’attività del 2023 con un nuovo successo
Dionigi Panedda a Monti: Erèntzia chiude l’attività del 2023 con un nuovo successo
OLBIAchefu

Pubblicato il 29 November 2023 alle 15:58

condividi articolo:

Monti. L’associazione culturale montina Erèntzia ha chiuso l’attività del 2023 con un nuovo successo. Sabato scorso, 25 novembre, l’evento patrocinato dal Comune di Monti e dalla Fondazione di Sardegna denominato“Sulle orme di Dionigi Panedda” ha richiamato un pubblico numeroso suscitando vivo interesse. La serata dedicata alla figura del noto studioso di origine bittese, scomparso ad Olbia nel 1989, è stata moderata dal brillante professor Gianni Mutzu, tra spiegazioni storiche ed emozioni, musica tradizionale proposta dai ragazzi della scuola di organetto “Sos Misureris”, ma anche fotografie con rievocazioni in salsa amarcord. A tal proposito il già Dirigente dell’Istituto tecnico Dionigi Panedda di Olbia, Mutzu, ha condiviso con i presenti alcuni suoi ricordi di scuola media riservando al suo vecchio professore di gioventù, Dionigi Pala, nipote di prof Panedda e quindi ospite di riguardo della serata, una sorpresa inaspettata rendendolo anche protagonista di alcune fotografie inedite della scuola media che fu.

Tra applausi e sorrisi la serata dedicata al Panedda è proseguita con la presentazione del quarto volume della Collana Larathanos stampata da Paolo Sorba editore, ovvero la ristampa anastatica de “Il Giudicato di Gallura. Curatorie e centri abitati”, con l'autorevole presentazione del professor Fabio Pinna, docente associato di Archeologia cristiana e medievale dell’Università di Cagliari.

Dopo Dionigi Pala, che ha ricordato la figura dello zio Panedda riservando ai presenti il racconto di inaspettate curiosità, la dott.Ssa Francesca Meloni, vicepresidente della Erèntzia, ha esposto una chiara sintesi sulla storia dei Giudicati di Sardegna. Da Madrid il contributo con video del dottor Francesco Mameli, dottorando di ricerca Storia, Beni culturali e Studi internazionali presso l’Università di Cagliari che ha illustrato brevemente i lavori per la rielaborazione dell’apparato cartografico a colori ora disponibile nella riedizione de "Il Giudicato di Gallura", a seguire la lezione del prof. Marco Agostino Amucano, archeologo medievista e curatore della Collana Larathanos, che ha parlato della relazione tra viabilità antica e confini tra i giudicati con focus sui territorio di Monti. Hanno chiuso la serata la musica dei ragazzi della scuola di organetto“Sos Misureris” e, come segno di grande attenzione ed ospitalità da parte dell'associazione Erèntzia a tutti i presenti, giunti anche da lontano, gli immancabili dolcetti ed una bicchierata con l'ottimo vermentino di Monti offerto dall'omonima cantina. 

 

L’associazione Erèntiza ha chiuso in bellezza il suo anno di eventi: ricordiamo la passeggiata alla scoperta delle erbe spontaee con l'esperto Giampaolo Demartis; la presentazione del volume "Stazzi di Gallura" edito da Taphros con l'autore Quintino Mossa e l'archeologa Paola Mancini; le giornate dedicate al riconoscimento dell'olio di qualità in collaborazione dell'oleificio Gallura. 

Tutti gli eventi vengono sempre organizzati con uno sguardo attento alla storia e alla tradizione del territorio montino, ma l’impegno dell’associazione al servizio della comunità non è finito qui:  “Da diversi mesi stiamo portando avanti una serie di attività di ricerca con raccolta di testimonianze orali e documentali”,  così spiega Colomba Isoni, presidente dell’associazione Erèntzia che precisa “Al momento stiamo chiudendo i lavori di riordino di tutte le preziose notizie acquisite, tra cui tante storie di vita inedite della nostra gente e racconti del nostro territorio”.  

Il 2023 è stato sicuramente un anno impegnativo per l’associazione culturale montina, che ha sempre garantito eventi di alto profilo culturale, ora il 2024 si sta per aprire con un nuovo importante obiettivo:  

“Il nostro impegno per il nuovo anno è chiudere i lavori che confluiranno in un libro per i tipi di una nota casa editrice del nord Sardegna.  Abbiamo fatto loro una proposta editoriale e ci hanno dato massima fiducia”. Chiude così la presidente Isoni, senza rivelare al momento nessun titolo del primo volume sotto l’elgida di Erèntzia.