venerdì, 22 gennaio 2021

Informazione dal 1999

Politica

Accorpamento Autorità Portuale, secco "no" di Fasolino

Accorpamento Autorità Portuale, secco
Accorpamento Autorità Portuale, secco
Olbia.it

Pubblicato il 29 luglio 2014 alle 17:33

condividi articolo:

Olbia, 29 Luglio 2014 - La spending review dello Stato potrebbe colpire come un'accetta affilata anche l'Autorità Portuale del Nord Sardegna che verrebbe così accorpata a quella del Sud dell'isola. Secondo Giuseppe Fasolino, consigliere regionale sardo, questa ipotesi è inammissibile. "Non è chiaro per quale logica i Porti del Nord Sardegna debbano perdere la loro autonomia ed essere accorpati a Cagliari. Capisco l’esigenza del Governo di contenere la spesa pubblica e razionalizzare le risorse, ma ritengo che, per ragioni oggettive, l’Autorità Portuale di Olbia Golfo Aranci e Porto Torres debba rimanere tale - ha dichiarato il consigliere Giuseppe Fasolino -. La diretta conseguenza di questo progetto sarà quella di vedere finire i Porti del Nord Sardegna sotto la giurisdizione di una nuova e più estesa autorità portuale la cui governance sarebbe verosimilmente affidata a Cagliari. Ritengo che una riforma delle autorità portuali italiane non possa essere fatta limitandosi ad aggregare o disaggregare il sistema portuale da una città ad un’altra, da un territorio ad un altro, senza stabilire criteri oggettivi e funzionali che tengano conto delle diverse e peculiari attività esercitate nelle aree soggette ad accorpamento. Probabilmente per rilanciare la portualità italiana servirebbero da subito maggiori interventi infrastrutturali (dragaggi, riqualificazione delle aree portuali ed ammodernamento delle strutture) e sarebbe auspicabile procedere ad un progetto di riforma che, anziché guardare esclusivamente ad una ipotetica riduzione della spesa, non comprometta sistemi efficienti che già esistono e che grazie alla sinergia con le altre reti infrastrutturali e trasportistiche sono in grado di garantire sviluppo al territorio". Secondo Fasolino, l'eventuale accorpamento con Cagliari minerebbe le potenzialità di sviluppo dell'intero territorio.