lunedì, 25 gennaio 2021

Informazione dal 1999

Cronaca

Sassari: si dà il via ai tirocinii sullo sviluppo e gestione dei flussi migratori

Sassari: si dà il via ai tirocinii sullo sviluppo e gestione dei flussi migratori
Sassari: si dà il via ai tirocinii sullo sviluppo e gestione dei flussi migratori
Dénise Meloni

Pubblicato il 02 ottobre 2017 alle 19:06

condividi articolo:

Sassari,o8 Ottobre 2017- "La Regione è costantemente impegnata, con progetti e atti concreti, negli ambiti, strettamente collegati, dellacooperazione allo sviluppo e della gestione dei flussi migratori. Per operare in modo sempre più efficace nei due campi riteniamo essenziale il momento della formazione dei giovani e per questo abbiamo sottoscritto un accordo con l’Università di Sassari per dare possibilità agli studenti di svolgere tirocinii negli uffici regionali che seguono da vicino questi temi."

Così l'assessore degli Affari Generali Filippo Spanu nel suo intervento all'incontro organizzato a Sassari dall'Università in occasione dell’avvio del corso di laurea triennale interdipartimentale di "Sicurezza e Cooperazione Internazionale", che ha l'obiettivo di formare esperti in grado di esercitare funzioni operative di coordinamento, gestione, formazione e controllo in contesti nazionali e internazionali, nei settori della sicurezza ambientale, alimentare e sanitaria e dei diritti umani, sicurezza e attività di supporto alla pace. Sono intervenuti anche Laura Frigenti responsabile dell’Agenzia italiana per la cooperazione allo sviluppo, Luciano Gutierrez, delegato alleattività di internazionalizzazione dell’Ateneo sassarese e i docenti dei Dipartimenti coinvolti nei progetti di cooperazione allo sviluppo. Nell'occasione, alla presenza degli studenti, è stata sottoscritta la convenzione che consentirà ai giovani di svolgere tirocinii di formazione ed orientamento presso le strutture della Regione. Spanu ha manifestato apprezzamento per l’iniziativa dell’Università, e ricordato che " la Regione Sardegna svolge un ruolo di coordinamento nella Conferenza delle Regioni in materia di Cooperazione allo sviluppo ed è Autorità di Gestione dell’ENI CBC Med per il periodo 2014-2020, programma di cooperazione transfrontaliera che coinvolge, oltre ai paesi europei, i partner delle Regioni costiere del Mediterraneo”. “Siamo convinti –ha aggiunto l’assessore- che dal rafforzamento dei rapporti con i paesi del Maghreb e dell’Africa subsahariana possano derivare maggiore stabilità politica e sviluppo economico. Il sistema regionale può offrire un contributo importante in questa direzione e la Giunta guidata da Francesco Pigliaru, in questi mesi, ha avviato un proficuo rapporto di collaborazione in particolare con la Tunisia e con il Senegal. La Sardegna come regione di frontiera –ha concluso Spanu– è fortemente interessata a sviluppare, d’intesa con le altre regioni, azioni integrate per migliorare le politiche che riguardano i flussi migratori e conseguentemente ridurre il numero delle persone che decidono di lasciare le terre d'origine."