Da 840 giorni 44 minuti 57 secondi questa testata è stata 'censurata' dal sindaco Nizzi per aver consultato i cittadini. Ecco i dettagli, o leggi le notizie secondo LUI.

Edilmass orizzontale
Eventi

Palau: con Alessandro Azara il tour diventa davvero green

iRiparo Olbia dieffe 1400 domenico castaldo

Palau,20 febbraio 2020 – L’emozione di un concerto  è sempre unica e molto personale per ciascuno di noi.  Ora più che mai stiamo assistendo ad una vera e propria rivoluzione in ambito musicale che ci pone verso scenari emozionali, talvolta davvero particolari.
Alessandro Azara, cantante, autore e musicista classe 73,  inizia a suonare la
chitarra e a scrivere e comporre i primi brani all’età di 18 anni ispirato e influenzato dai cantautori italiani e delle grandi rock band internazionali,

Di certo sarà un obbiettivo ambizioso quello che si è posto Azara con il suo  “Non eri qui Green Tour” che farà tappa a Palau  il prossimo 22 febbraio  alle ore 21.30  al Cineteatro Montiggia.

Spesati article offerte

Azara, autore e produttore del progetto discografico ed Alberto Erre, ingegnere del suono, cooproduttore e responsabile tecnico dei concerti intendono sensibilizzare il pubblico presente all’evento, al rispetto
dell’ambiente, alla riscoperta della magia dell’ascolto in uno spazio confortevole in cui lasciarsi cullare e coinvolgere  dalla musica.
Uno spettacolo del tutto  innovativo, una performance tecnologica e lontana anni luce dalle proposte musicali a cui siamo abituati. Una cura maniacale della qualità sonora, dell’esecuzione tecnica, della scenografia. Il Green Tour  allerta la   sensibilità dello spettatore  verso le tematiche di
inquinamento acustico ed ambientale, dell’eco sostenibilità, del plastic free, del ridurre al minimo l’assorbimento energetico.

Per la prima volta in Sardegna la formula avveniristica del “Silent Concert”
viene applicata ad un concerto suonato totalmente dal vivo da una band al completo.Nei “Silent Concert” la musica non viene diffusa da un classico sistema di altoparlanti ma da un sistema di cuffie Wi Fi. Una formula particolare di ascolto, molto diretta e a tratti intima che coinvolge l’ascoltatore in un’ ascolto attento e  intenso.

Azara è un crescendo di emozioni quando illustra il suo innovativo progetto musicale:”L’idea del “silent concert” ad impatto zero è arrivata da Alberto Erre, ingegnere del suono che cura tutto l’aspetto tecnico dei Live e del lavoro in studio, io ho trovato la proposta entusiasmante e con il resto della band ho lavorato per adattare l’esecuzione dei brani a questa formula”.
Il Tour ha registrato quattro concerti sold out, e dopo la data di Palau
farà tappa al teatro Civico di Sassari. Per la promozione dell’evento verrà ridotto al minimo indispensabile l’utilizzo di materiale pubblicitario cartaceo e tutti i concerti saranno totalmente plastic free. Inoltre
una parte del ricavato verrà devoluta all’Associazione Insieme con le note del cuore e al loro progetto “Volaere: in mongolfiera con la bussola”
un servizio di supporto ed orientamento per pazienti oncologici.

Ad accompagnare Alessandro in questo Tour ci sarà una squadra di eccellenti professionisti, il meglio della scena pop/rock sarda:
Giovanni Pinna: basso, Giovanni Sanna: chitarre, Massimo Cossu: chitarre
Paolo Zannin: batteria e percussioni, Alberto Erre & Rockhaus Service:audio e luci,Max Tanda: visual, Alessandro Spanu: riprese video, Blanka Meccanica: foto,Francesca Cattari: trucco e parrucco, Riccardo Franca: backliner,Angelo Romano: tour manager.

E’ un fiume di parole Alessandro Azara  quando  ci racconta :”L’album non è nato da un progetto prestabilito, da qualcosa di pensato e pianificato, ma
semplicemente dal fatto di credere nel proprio lavoro, di pensare che il materiale scritto potesse risultare credibile e meritare di essere lavorato e plasmato in maniera professionale, ed infine, messo su disco. Decidere di dedicare la propria vita alla musica è una scelta molto complicata che nasce
dalla passione e dall’esigenza di potersi esprimere, di iniziare un percorso di studio e di ricerca senza fine, un continuo inseguire qualcosa di non tangibile, di effimero che si materializza solo nel momento della composizione, nell’istante in cui la canzone prende vita e assume una propria forma.“Non eri qui” sostanzialmente è il riassunto di un capitolo della mia vita che avevo necessità di chiudere per continuare nel mio percorso artistico e personale.I miei riferimenti artistici sono prettamente musicali, anche se la passione per la lettura e per i romanzi sudamericani ha sempre attirato la mia attenzione e stimolato la fantasia. Se dovessi fare qualche nome nell’ambito musicale direi senza dubbio Fabrizio De Andrè,
Giovanni Lindo Ferretti, Nick Cave, Per quanto riguarda la letteratura non posso non parlare di Gabriel Garcia Marquez e di Italo Calvino.

L’evento è patrocinato   dal Comune di Palau ed è stato prodotto  e organizzato da AA produzioni con la collaborazione del Comitato Fidali  ’75. Ingresso è libero e per informazioni si può contattare:338 282 3868

Non resta quindi che indossare la cuffia e immergersi in questa esperienza sensoriale che andrà di certo oltre all’emozione della musica. Lasciarsi andare in un viaggio di cui non conosciamo la destinazione, godendoci il percorso seguendo solo  il nostro cuore

Prink 1400
Studio dentistico Dottoresse Satta Olbia 1540
Commenti

Virali

iRiparo Olbia dieffe 1400 domenico castaldo
In Alto