sabato, 06 marzo 2021

Informazione dal 1999

Generale, Salute

Olbia: giovane morso da ragno violino

Ancora casi in città

Olbia: giovane morso da ragno violino
Olbia: giovane morso da ragno violino
Angela Galiberti

Pubblicato il 31 gennaio 2021 alle 09:00

condividi articolo:

Olbia. Sono ragni timidi, vivono prevalentemente in campagna, ma alle volte scelgono le case e mordono solo se si sentono minacciati: stiamo parlando dei ragni violino, i cui morsi non sono affatto rari e possono essere piuttosto pericolosi se non vengono curati in tempo. A Olbia non sono così rari questi "morsi": l'ultimo caso due giorni fa, di sera: la brutta avventura è avvenuta a un giovane padre olbiese mentre rientrava a casa.

Prima la sensazione di avere qualcosa sul collo, la mano che prova a spostare quella che poteva essere una mosca, poi un pizzicorio e un ragno che cade sul maglione. Per un paio d'ore nulla di strano, poi i primi sintomi. Il giovane olbiese chiama il centro antiveleni di Milano, descrive i sintomi e l'aspetto del ragno: il consiglio immediato del Centro è quello di correre al Pronto Soccorso e di farsi dare una cura a base di antitetanica e antibiotici. Il morso del ragno violino, se non curato, può avere conseguenze non piacevoli: le prime conseguenze sono dolore e vescicole localizzate, poi forte arrossamento, tumefazione e necrosi delle cellule. Nei casi più gravi, la guarigione può avvenire in 6/8 mesi. 

Il giovane olbiese è stato accolto dal Pronto Soccorso di Olbia con celerità: nel giro di un'ora è stato accettato, curato e rimandato a casa. Al momento le sue condizioni sono buone.

L'invito ai cittadini è di prestare attenzione ai ragni eventualmente presenti in casa e in particolare alle fessure e agli anfratti: non ama le temperature invernali, per cui nella stagione fredda può scegliere le case come tana. In genere, quando entra nelle abitazioni, sceglie di nascondersi dietro ai mobili, al battiscopa, sotto le scatole o all'interno degli abiti o calzature e tra la biancheria. Il ragno ha un carattere schivo e morde se si sente minacciato: difatti, tutte le persone che si ritrovano morse da questo aracnide erano del tutto inconsapevoli della sua presenza magari dentro un pantalone o tra i calzini.