giovedì, 06 ottobre 2022

Informazione dal 1999

Olbiachefu

Nues de velenu - poesia in limba di Vanna Sanciu

La poesia non ci salva dalle guerre, ma forse ci salva dall’aridità degli uomini senza scrupolo.

Nues de velenu - poesia in limba di Vanna Sanciu
Nues de velenu - poesia in limba di Vanna Sanciu
Vanna Sanciu

Pubblicato il 06 marzo 2022 alle 11:38

condividi articolo:

Olbia. La sete di dominio e di onnipotenza, la volontà di prevaricazione, non ha occhi per vedere le macerie, la distruzione che sta generando in Ucraina e non ha orecchie per ascoltare le suppliche che arrivano da uomini illuminati e dai pacifisti di tutto il mondo. Non può ascoltare nemmeno la voce dei poeti che, di fronte ai soprusi, alla violenza e alla distruzione piangono in versi l’ennesimo stupro perpetrato ai danni dell’umanità. La poesia non ci salva dalle guerre, ma forse ci salva dall’aridità degli uomini senza scrupolo.

Nues de velenu

A s'òmine s'istória
non lassat s'iscarmentu
de chie l’at giumpadu su gancellu
che fozas in su 'entu,
bestidu de timòria
in cussas nues rujas de masellu.

Cadrijas velenosas
pro pizos de velenu
cumpostos cun sas manos de s'inferru
furèndenos s’alenu.
Mentes abbominosas
chi su 'eranu 'oltant in ierru.

Galu pioet gasu
in cuzolos de chelu,
carralzat de 'irgonza sas istellas
ca 'ochit in su gelu
brivende de un’asu.
 Fùrriant pianghende sas barellas.

S'est pèrdida sa nàschida
in fritos muntonalzos,
istropiados bisos e isperas
in allutos brajalzos
ch'atraessant sa pàschida
e de sos giustos brujant sas banderas.

E lìbberos già semus
che alas chi non bolant,
cun sas cadenas de cust'impotèntzia.
Noas nos disconsolant,
‘alciamus sos “oremus”
pro un'umanidade in dolèntzia.

©Vanna Sanciu

 

Nubi tossiche


La storia non insegna
bene la lezione
di chi ha varcato il cancello
come una foglia nel vento,
vestito di paura
sotto le nubi rosse del macello.

Graticole velenose
per strati di odio
sistemati con le mani dell’inferno
che rubano il respiro.
Menti abominevoli
che trasformano la primavera in un gelido inverno.

Ancora pioggia di gas
da angoli di cielo,
ricopre le stelle di vergogna
perché uccide nel gelo
privando di un bacio.
Retrocedono nel pianto le barelle.

Si sono smarrite le origini
nei freddi mondezzai
i sogni e le speranze storpiati
nelle braci ardenti
che hanno invaso i territori
e bruciano le bandiere dei giusti.

E noi siamo liberi
come ali che non volano
incatenate dalla nostra impotenza
Sconfortati dalle notizie,
solleviamo le nostre preghiere
per un’umanità nel dolore.

©Vanna Sanciu