Sunday, 23 June 2024

Informazione dal 1999

Cultura, Musica

Monti, Gabriele Barria entra nella prestigiosa Accademia Pavarotti-Freni: unico sardo

La storia e carriera di Gabriele Barria

Monti, Gabriele Barria entra nella prestigiosa Accademia Pavarotti-Freni: unico sardo
Monti, Gabriele Barria entra nella prestigiosa Accademia Pavarotti-Freni: unico sardo
Giada Muresu

Pubblicato il 07 May 2023 alle 09:00

condividi articolo:

Monti. Un sogno nel cassetto unito a determinazione, tanto studio, passione e sacrifici. Questa è la ricetta - non tanto segreta - di Gabriele Barria, cantante d'opera, classe 1996 di Monti. Gabriele ha sempre avuto le idee chiare, sin da bambino, e dopo il diploma in ragioneria al Deffenu di Olbia, appena 18enne parte per studiare al Conservatorio di Cagliari dove si laurea prima alla triennale e poi una seconda volta al biennio specialistico ordinamentale.

Nel mentre a Monti, suo paese d'origine, è sempre stato molto attivo ed oggi ricopre differenti ruoli come: vicedirettore della banda musicale di Monti, direttore artistico del Coro Sos Balaros e vicedirettore del Coro Confraternita San Gavino. Gabriele si esibisce anche come cantante solista partecipando a spettacoli folkloristici ed insieme ad amici e colleghi prende parte a concerti, eventi e processioni. Come baritono ha cantato all'Operà di Montecarlo, al teatro Pavarotti-Freni di Modena, al teatro lirico di Cagliari e in quello comunale di Sassari, al teatro Duse Bologna, al Coro Ensemble Fenice e in tanti altri prestigiosi palchi.

Un vasto curriculum al quale va ad aggiungersi da quest'anno una novità. Gabriele mentre stava ancora studiando al Conservatorio di Cagliari, sul punto di prendere la seconda laurea, ha visto un bando pubblicato dal Teatro "Pavarotti-Freni" di Modena, decidendo così di partecipare con una serie di step ed audizioni. A marzo la notizia che tanto aspettava: è stato ammesso alla prestigiosa Accademia di Alto Perfezionamento artistico per cantanti lirici. Su 250 domande solo 14 erano i posti disponibili, di questi solamente 3 sono italiani e Gabriele è riuscito ad entrare come unico sardo. "Una notizia che mi ha fatto provare un'emozione indescrivibile e incommensurata. Il tutto è diventato ancora più speciale quando ho scoperto che in commissione era presente Leone Magiera, Maestro, preparatore e direttore d'orchestra di un "certo" Luciano Pavarotti", scherza Gabriele.

Il tuo sogno era solo quello di diventare cantante lirico? "In realtà c'era una alternativa. Mi sarebbe piaciuto fare l'attore ed effettivamente con il mio lavoro ho unito entrambe le professioni, perchè un cantante lirico in scena è anche un attore".

Prosegue Gabriele: "L'Accademia quest'anno dura solo tre mesi ma saranno tre mesi di duro lavoro, di crescita personale e costante confronto con i colleghi che arrivano da ogni parte del mondo. Sono felice di poterne far parte e frequentare le lezioni con grandi Maestri, professori e docenti anche internazionali. E' una grande opportunità, unica nel suo genere".

Prima di partire per il suo percorso a Modena, Gabriele è diventato presidente e direttore artistico di una nuova associazione culturale che porta il nome di "Sardegna Lirica", nata a Monti con lo scopo di promuovere e far conoscere la musica lirica, oltre a coinvolgere l'intera comunità.