lunedì, 08 marzo 2021

Informazione dal 1999

Politica

Puc, mattone e investimenti turistici: da Zuncheddu a Berlusconi e altri, ecco la programmazione

Da Porto Rotondo a Capo Ceraso, lo sviluppo by Nizzi: si valutano le osservazioni

Puc, mattone e investimenti turistici: da Zuncheddu a Berlusconi e altri, ecco la programmazione
Puc, mattone e investimenti turistici: da Zuncheddu a Berlusconi e altri, ecco la programmazione
Angela Galiberti

Pubblicato il 24 gennaio 2021 alle 06:00

condividi articolo:

Olbia. Il Puc by Nizzi non è ancora in vigore - dalla settimana entrante parte il percorso delle oltre 700 osservazioni in Commissione Urbanistica presideduta dal consigliere comunale Bastianino Monni -, ma la curiosità sugli effetti economici che potrà generare è tanta, soprattutto perché il piano prevede alcune aree per insediamenti turistico-ricettivi in più rispetto a quelli esistenti. L'idea alla base sarebbe quella di avere più hotel di pregio che non seconde case: queste ultime particolarmente diffuse in tutto il territorio olbiese in particolare sulla costa.

Quattro interventi sono previsti a Porto Rotondo, nel borgo, con l'obiettivo di ricucire il sistema urbanistico della frazione. I primi due interventi sono nell'area di via della Jaracanda e via del Nuraghe, e prevedono la realizzazione di una struttura ricettiva in continuità con gli insediamenti esistenti. Il terzo prevede un albergo nell'area via Cava del Tom. Il quarto è in via Punta Lada verso via Orsa Maggiore: qua si prevede una struttura turistico ricettiva in continuità con gli insediamenti esistenti.

Golfo di Marinella: altra zona, altro investimento turistico potenziale di particolare interesse. Si tratta dell'Hotel Abi d'Oru, eccellenza superior dell'accoglienza olbiese targato Zuncheddu, uno dei più importanti imprenditori sardi. Tra via Marinella e via Pasteri viene prevista la realizzazione di un insediamento turistico alberghiero. Prescrizioni: riqualificazione di via Sa Jaga Ezza, delle rotatorie in via Pasteri e in via Marinella, garantire la fruizione del territorio costiero e interno.

Secondo intervento a Marinella è in un'area compresa tra il Villaggio Ginepro e la linea di costa nella quale si prevede un altro insediamento turistico alberghiero.

Poi, ecco il rafforzamento dell'area contigua all'hotel S'Astore sul promontorio di Porto Rotondo, sui versanti occidentali del Monte Ladu.

Avvicinandoci alla città, ecco Pittulongu con il progetto previsto per Sa Testa dove si prevede un campo da golf. Così viene descritto l'intervento: “realizzazione di strutture ricettive alberghiere integrate ad attrezzature sportive, per il tempo libero e per la fruizione ambientale e turistico ricreativa del territorio (campo da golf, percorsi naturalistici e ciclo pedonali, ecc.)”.

Spostiamoci in un altro luogo amatissimo dagli olbiesi, Capo Ceraso: terreni che in parte sono riconducibili alla famiglia Berlusconi. Anche qua sono previsti: un nuovo insediamento turistico-alberghiero, percorsi naturalistici, campo da golf. Molte le osservazioni su questa parte di territorio, i cui piani di sviluppo ricordano l'Urban Planning cinese.

Alle porte della Costa Smeralda, spostandoci nuovamente a Nord, ecco Portisco: in programma ci sono un altro hotel e un parco territoriale.

Nelle carte del PUC è presente, e lo citiamo perché rappresenta un investimento importante, il raddoppio della Marina di Olbia, nel quartiere “Olbia Mare” o Sa Marinedda, per il quale sempre nel PUC vi è anche un'espansione urbanistica ulteriore. L'ampliamento del porto turistico era previsto nel vecchio piano regolatore del porto, mai giunto ad approvazione: l'ampliamento sarà dedicato agli yacht di grandi dimensioni.