mercoledì, 06 luglio 2022

Informazione dal 1999

Generale, Animali

La Maddalena: Lady Wolf è stata liberata

Una festa di libertà al Parco Nazionale

La Maddalena: Lady Wolf è stata liberata
La Maddalena: Lady Wolf è stata liberata
Olbia.it

Pubblicato il 15 giugno 2022 alle 15:53

condividi articolo:

La Maddalena. Questa maattina è stata liberata presso la Spiaggia dei Due Mari di Caprera, la Caretta caretta “Lady Wolf”, soccorsa lo scorso 11 agosto 2021, dall’Associazione SEA ME Sardinia, incaricata dal Parco Nazionale.

L’intervento dello scorso agosto si era potuto concludere tempestivamente anche grazie alla Capitaneria di Porto di La Maddalena, che si offriva per un supporto immediato sul luogo in cui la barca si trovava all’ancora.

Trasportato al porto di Cala Gavetta, l’animale era stato consegnato all’Associazione CRAMA, per il ricovero presso il Centro di Recupero del Parco Nazionale dell’Asinara. Oggi, con l’immancabile e prezioso supporto della Capitaneria di Porto di La Maddalena, presente sia a terra che a mare per supportare e agevolare le operazioni di rilascio della Caretta caretta, il personale del CRAMA e i Direttori dei due Parchi Nazionali, hanno delicatamente riconsegnato al mare lo splendido animale.

"Tra la gioia dei bambini presenti in spiaggia e la commozione degli adulti che si sono lanciati in un entusiastico applauso come Lady Wolf ha iniziato a “riassaporare” l’odore del mare e muovere velocemente le sue pinne per andare verso il largo, anche oggi possiamo davvero ritenerci soddisfatti per il lavoro di sinergia e collaborazione che prosegue solido e costante tra i due Parchi Nazionali, il CRAMA e la Capitaneria di Porto locale. Alla liberazione dell’animale è seguita una lezione tenuta dalla responsabile del CRAMA, con un vivace scambio di domande e risposte tra i bagnanti, incuriositi dall’attività che viene svolta nel Centro di recupero. Sentite anche le parole dell’Assessora all’Ambiente del Comune di La Maddalena, intervenuta per ringraziare tutti gli enti coinvolti nelle operazioni e per sottolineare quanto sia importante organizzare degli eventi di sensibilizzazione che facciano realmente comprendere quanto delicati e fragili siano le Caretta caretta, soggette a minacce derivanti principalmente dall’impatto antropico", si legge in una nota stampa del Parco Nazionale.

Il Direttore facente funzione del Parco di La Maddalena dott. Yuri Donno e il Direttore del Parco dell’Asinara dott. Vittorio Gazale, coadiuvati dal rispettivo personale, hanno poi effettuato i ringraziamenti del caso, invitando tutti i presenti a divulgare il messaggio educativo cui abbiamo voluto incentrare oggi la nostra comunicazione: proteggere gli animali marini da ogni pericolo derivante dall’impatto che l’uomo ha sulla natura e soprattutto, in caso di avvistamento e/o spiaggiamento di cetacei o tartarughe marine in difficoltà o privi di vita, la prima cosa da fare è chiamare i numeri gratuiti della Capitaneria di Porto (1530) o del Corpo Forestale di Vigilanza ambientale (1515) segnalare l’evento e attendere l’intervento degli esperti evitando di toccare gli animali, che potrebbero avere patologie infettive potenzialmente pericolose anche per l’uomo.