sabato, 16 gennaio 2021

Informazione dal 1999

Cronaca

Celiachia: mozione nei Comuni per maggiori servizi

Celiachia: mozione nei Comuni per maggiori servizi
Celiachia: mozione nei Comuni per maggiori servizi
Dénise Meloni

Pubblicato il 04 gennaio 2018 alle 17:24

condividi articolo:

Olbia, 06 Gennaio 2018- Continua il lavoro di Fratelli d'Italia in tutta la Sardegna: dopo l'iniziativa presentata in tutti i Comuni Sardi con la mozione sulla fibromialgia ora è la volta della celiachia. Una nuova mozione riguardante un problema molto sentito in Sardegna. Per incidenza di celiaci, la Sardegna è una delle prime regioni in Italia.

Il Consigliere Regionale di Fratelli d'Italia su indicazione del Coordinatore Regionale Salvatore Deidda si farà portavoce in Regione di questa "sentita e problematica patologia", subito recepita e condivisa dal Coordinatore Provinciale della Gallura Matteo Sanna e dal Coordinatore Cittadino di Olbia Marco Buioni che col Dipartimento preposto ha inviato a tutti i Comuni della Gallura la richiesta di inviare la mozione approvata al Presidente della Regione Sardegna. Il 4 Gennaio Marco Buioni ha protocollato presso il Comune di Olbia la richiesta di mozione al Sindaco, al vice Sindaco, al Presidente Consiglio Comunale, agli Assessori e ai Capigruppo.

Dal 2013 la Regione Lombardia ha ideato un nuovo sistema, utilizzando una piattaforma telematica chiamata "nuova Celiachia". Si innesta qui la prima novità: una volta ricevuto in assegnazione un budget mensile per l'acquisto di prodotti per celiaci, il cittadino doveva rifornirsi nelle farmacie o nei negozi convenzionati situati sul territorio dell'Asl di residenza e via via che faceva acquisti, venivano applicate le relative fustelle (sorta di "scontrini" riferiti ai singoli prodotti) sui moduli cartacei. Questo processo verràtotalmente dematerializzato.

Ogni cittadino, con la propria Carta Regionale dei Servizi (tessera sanitaria) e un codice personale fornito dal nuovo applicativo informatico, potrà recarsi a fare la spesa, anche in un supermercato della GDO, epagare i prodotti per celiaci alla cassa con la CRS(andrà inserita in un PIN Pad, su cui digitare il codice personale assegnato). In cassa verrà fatto un subtotale relativo ai soliprodotti contrassegnati S.G. (senza glutine)e verrà verificata mediante collegamento diretto con il sistema centrale la compatibilità del valore dell'acquisto con il budget a disposizione. Verrà quindi dato l'OK, con contestuale decurtazione dell'importo dal budget, oppure ilKOqualora la somma disponibile fosse inferiore all'importo della spesa e in questo caso toccherà al cittadino integrare la cifra mancante. Sullo scontrino rilasciato verranno riportati i prodotti per celiaci acquistati, l'importo decurtato per il loro acquisto e il budget residuo.

Una semplificazione di facile applicazione, a costo zero o quasi che permette un risparmio economico alla Regione e un servizio maggiore per i pazienti celiaci e i loro familiari che potranno acquistare i prodotti in tutto il territorio regionale e in più esercizi.La speranza è che questo comporti inoltre un abbassamento dei prezzi del prodotto.

Cronaca

Cronaca