Saturday, 20 April 2024

Informazione dal 1999

Bianca, Cronaca

Network G20Spiagge: ecco la proposta di allargamento ad altre località turistiche

Anche Arzachena fa parte del network

Network G20Spiagge: ecco la proposta di allargamento ad altre località turistiche
Network G20Spiagge: ecco la proposta di allargamento ad altre località turistiche
Olbia.it

Pubblicato il 29 February 2024 alle 13:54

condividi articolo:

Arzachena. Le destinazioni balneari più importanti del Paese, riunite nel network G20Spiagge, stanno facendo fronte comune per ottenere il riconoscimento dello Status di Comunità Marine. Dopo anni di incontri e discussioni, il network composto da 20 località turistiche si prepara ad affrontare l'ultimo tratto di questo lungo percorso, con l'obiettivo di garantire maggiori servizi alla popolazione residente e contrastare efficacemente la concorrenza internazionale. Alghero, Arzachena, Bibbona, Caorle, Castiglione della Pescaia, e altre ancora, insieme attirano ben 50 milioni di presenze turistiche, rappresentando il 12% delle presenze turistiche totali in Italia. Questo rende evidente l'importanza economica e strategica di queste località per il Paese.

Roberta Nesto, coordinatrice nazionale del G20Spiagge e Sindaco di Cavallino Treporti, ha sottolineato l'importanza di questa proposta, che permetterebbe alle amministrazioni comunali delle spiagge di offrire servizi migliori alla popolazione e di competere sul mercato turistico internazionale in modo più efficace, sfruttando i principi della sostenibilità ambientale e sociale. Una delle novità più significative è l'introduzione di una modifica che consentirebbe ad altre località di accedere allo status di Comunità Marine, anche se non raggiungono la soglia di almeno 1 milione di presenze turistiche.

Questo allargamento del network potrebbe portare nuove opportunità e risorse per la gestione dei territori, come sottolinea Claudia Giagoni, assessora al Turismo del Comune di Arzachena. Giagoni evidenzia inoltre che l'introduzione di questa modifica sarebbe particolarmente vantaggiosa per i piccoli comuni isolani, che condividono le stesse esigenze e difficoltà nel gestire i flussi turistici durante i mesi estivi. L'obiettivo è quello di garantire una migliore qualità della vita ai residenti e servizi più efficienti ai visitatori, investendo nel decoro, nella sicurezza e nella tutela dell'ambiente.

Il network G20Spiagge si prepara dunque a un nuovo capitolo della sua storia, aprendo le porte a nuove località turistiche che potranno beneficiare delle esperienze e delle risorse messe in campo da queste prestigiose destinazioni balneari italiane.