mercoledì, 06 luglio 2022

Informazione dal 1999

Politica

Manca: "pazienti Covid in reparto, rischio focolai"

Nuova interrogazione della consigliera regionale M5S

Manca:
Manca:
Olbia.it

Pubblicato il 14 gennaio 2022 alle 14:10

condividi articolo:

Sassari. La consigliera regionale Desirè Manca (M5S) ciritica ancora una volta la gestione Covid della sanità sassarese. “La gestione dei casi Covid da parte dell’AOU di Sassari ha preso una piega folle: con una delibera dell’11 gennaio scorso, l’Azienda Ospedaliero Universitaria intende consentire il ricovero di pazienti Covid nel Reparto di Chirurgia mantenendo in contemporanea la degenza ordinaria, ed esponendo così tutti i pazienti ricoverati ad un altissimo rischio contagio a causa dello scoppio scontato di un gigantesco focolaio intraospedaliero”, afferma la consigliera regionale.

“Questa proposta – osserva Desirè Manca (M5s) - è stata contestata in primis dagli infermieri e dagli OSS della struttura che giustamente ne denunciano la grandissima pericolosità considerandola “demenziale”, in quanto il contagio dilagherebbe in breve tempo, creando una situazione di caos impossibile da gestire”.

“Basti pensare che in questo reparto è praticamente impossibile creare una separazione efficace tra la stanza Covid (ancora da creare), in cui andrebbero isolati i pazienti positivi, e il resto del reparto. Non è pensabile consentire la gestione di pazienti covid senza la creazione di strutture fisse stabili che consentano al paziente di essere isolato sin dal suo ingresso in ospedale, ma anche senza zone filtro per la vestizione e svestizione del personale, e senza un sistema di aerazione adeguato. Inoltre, il personale dedicato dovrebbe essere impiegato esclusivamente in questa attività, altrimenti è facile comprendere che tutti i pazienti ricoverati, così come tutto il personale, saranno esposti costantemente al virus”:  questa la denuncia della consigliera regionale del M5s Desirè Manca, alla luce dei nuovi provvedimenti adottati con delibera del Direttore generale due giorni fa.  

“Non solo il personale lavora a ritmi insostenibili ed è costretto a spostarsi tra container e diversi plessi Covid, ma adesso si intende persino convertire di fatto il reparto di Chirurgia in Chirurgia- Covid. Ci troviamo davanti a una decisione scellerata – sottolinea la consigliera -  di fronte alla quale il personale infermieristico e ausiliario dei reparti interessati hanno già inviato una lettera ai vertici aziendali per chiedere delucidazioni in merito, ed esprimere il loro grande disappunto”.

“Il contagio sta correndo veloce, mentre purtroppo, la macchina dell'emergenza arranca e mostra segni di evidente perdita del controllo”, conclude la consigliera.