domenica, 25 luglio 2021

Informazione dal 1999

Cronaca

Direzione Marittima Olbia, controlli pesca: 43.000 €, 1.400 kg di pesce sequestrato e 8 reati denunciati

Direzione Marittima Olbia, controlli pesca: 43.000 €, 1.400 kg di pesce sequestrato e 8 reati denunciati
Direzione Marittima Olbia, controlli pesca: 43.000 €, 1.400 kg di pesce sequestrato e 8 reati denunciati
Olbia.it

Pubblicato il 27 dicembre 2018 alle 18:23

condividi articolo:

Olbia, 27 dicembre 2018 - Continuano senza sosta i controlli della Guardia costiera nella filiera della pesca. A livello nazionale tale operazione si chiama "Confine illegale": è iniziata a novembre ed è proseguita nel mese di dicembre. Anche la Direzione Marittima di Olbia, guidata dal comandante Maurizio Trogu, ha partecipato ai controlli nel suo territorio di competenza che va da Alghero a Siniscola, abbracciando così tutto il Nord della Sardegna ben oltre i confini della Gallura.

I militari dell’intera Direzione marittima di Olbia hanno provveduto ad effettuarecapillari controlli a mare, in particolar modo nelle Aree Marine, ed a terra (su tutto il territorio di competenza) conispezioni su motopesca, punti di sbarco, esercizi commerciali nonché rivenditoriall’ingrosso ed al dettaglio, elevando sanzioni amministrative per un totale ad oggipari a 43.000 euro ponendo inoltre sotto sequestro circa 1.400 kg di prodotto ittico,compreso un esemplare di tonno rosso proveniente da pesca sportiva.

"Si tratta in larga misura di prodotto privo delle necessarie informazioni obbligatorie inviolazione della normativa comunitaria e nazionale in materia di etichettatura,tracciabilità a tutela del consumatore finale. Gli stock di prodotto derivante dalcomparto della pesca e dell’acquacoltura devono essere infatti rintracciabili in tutte levarie fasi della produzione, dalla trasformazione alla distribuzione, fino in ultimo allavendita al dettaglio, in cui si deve assicurare la presenza delle informazioniobbligatorie sulle zone e modalità di cattura e/o raccolta al fine di garantire la corretta tutela del consumatore finale", si legge nella nota stampa.

"Sono state inoltre trasmesse alle competenti Autorità Giudiziarie per frode incommercio, cattivo stato di conservazione ed inosservanza sulle norme di sicurezzadella navigazione n° 8 comunicazioni di notizie di reato riscontrate in tutto il territoriodella Direzione marittima di Olbia", conclude la Guardia costiera olbiese.