giovedì, 07 luglio 2022

Informazione dal 1999

Cronaca, Generale, Bianca, Animali

Olbia, vietato lasciare i cani liberi e obbligo denuncia cucciolate

L'ordinanza del sindaco Nizzi

Olbia, vietato lasciare i cani liberi e obbligo denuncia cucciolate
Olbia, vietato lasciare i cani liberi e obbligo denuncia cucciolate
Angela Galiberti

Pubblicato il 01 febbraio 2022 alle 14:20

condividi articolo:

Olbia. Il sindaco di Olbia Settimo Nizzi ha emanato una nuova ordinanza dedicata agli animali e in particolare ai cani con l'intento di regolarne la condotta in aree pubbliche e lottare contro il randagismo.

Con questa ordinanza si ribadisce un qualcosa che, in realtà, era già in vigore: parliamo del divieto di lasciare liberi i cani fuori dalla proprietà privata. L'ordinanza, oltre a obbligare i proprietari a portare il cane al guinzaglio (regola di buon senso che non tutti vogliono capire), impone sempre ai proprietari di non affidarne la custodia a persona inesperta o non idonea. 

Per quanto riguarda il randagismo, l'ordinanza stabilisce quanto segue: "Il proprietario o detentore di cagne, a qualsiasi scopo detenute deve comunicare al Servizio Veterinario del ASL di Olbia e al Comune di Olbia l’avvenuto parto, entro il termine massimo di 10 gg, con l’indicazione del numero dei cuccioli nati, con apposita dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà, ai sensi della normativa vigente in materia".

Questa seconda norma dovrebbe servire a combattere l'abbandono, frequentissimo, di intere cucciolate. Ci sono però dei problemi di base: chi non ha la cagna chippata o chi ha già intenzione di abbandonarli certamente non si auto-denuncerà. Forse questa misura potrebbe essere più efficace se venissero coinvolti i veterinari e se ci fosse un registro/database unico delle gravidanze canine, il tutto abbinato a controlli a tappeto (anche per verificare come vengono tenuti gli animali).

In ogni caso ci sono delle multe per chi trasgredisce: "Per i trasgressori della presente ordinanza, fatte salve le eventuali responsabilità penali, sarà comminata per i punti 1 e 2, una sanzione amministrativa da € 50,00 a € 300,00 estinguibile in via breve con € 100,00".