Thursday, 20 June 2024

Informazione dal 1999

Animali, Generale

Olbia, la tartaruga Simplicia non ce l'ha fatta

La tartaruga è un animale protetto: l'ultimo tentativo di furto risale a tre giorni fa

Olbia, la tartaruga Simplicia non ce l'ha fatta
Olbia, la tartaruga Simplicia non ce l'ha fatta
Patrizia Anziani

Pubblicato il 21 May 2024 alle 18:00

condividi articolo:

Olbia. Non ce l’ha fatta Simplicia, la bellissima esemplare appartenente alla specie Testudo marginata, tipica del territorio gallurese. La tartaruga dalle misure considerevoli di circa 32 centimetri per 23, rinvenuta la mattina del 15 maggio, giorno di San Simplicio, sulla carreggiata della Strada provinciale 38, in direzione Olbia-Tempio. L'animale presentava infatti una lesione sul carapace, grande come un pugno di una mano.  All'interno vi erano numerose larve di mosca che la stavano letteralmente mangiando viva. Subito prelevata dalla strada e messa in sicurezza, si era cercato inutilmente di trovare un veterinario che potesse intervenire in tempi brevi. 
Dopo diversi tentativi andati a vuoto, a causa della contemporanea chiusura del veterinario convenzionato e della sede del Centro recupero selvatici di Olbia, l’animale, era stato medicato e trasferito la mattina successiva direttamente al centro recupero animali selvatici di Bonassai.  I veterinari fin da subito avevano mantenuto la prognosi riservata. Ieri 20 maggio, nonostante tutte le cure effettuate, il cuore di Simplicia ha smesso di battere. 
In questo periodo non è difficile rinvenire tartarughe mentre camminano o attraversano la strada. Questo è un periodo molto particolare dove le tartarughe girano in cerca di cibo o di ltri esemplari di sesso opposto. 

L’accoppiamento tra tartarughe avviene da marzo a giugno e raramente si protrae fino all’autunno. La deposizione delle uova avviene dopo 3-5 settimane dall’accoppiamento, la femmina in ciascuna deposizione depone da 2 a 5 uova elissoidali in una buca appositamente scavata. Nel corso dell’intera stagione riproduttiva, la femmina può deporre al massimo una dozzina di uova. I piccoli nasceranno dopo un periodo di circa 2 mesi misurando alla nascita circa 3-4 cm. I maschi raggiungeranno la maturità sessuale intorno ai 10-13 anni di età, mentre le femmine tra i 13 e i 14 anni.

Se si incontra una tartaruga durante una passeggiata è sempre bene ricordare che il Corpo Forestale raccomanda sempre di non disturbare questi animali e di non catturarli. Diverso è se vi capita di incontrare un esemplare di tartaruga in pericolo, mentre attraversa la strada.  A quel punto è bene ricordarsi alcune importanti precauzioni.  La prima è sicuramente quella di accostare l'auto sulla carreggiata in sicurezza. Anche se di giorno è sicuramente consigliabile indossare il giubbotto di alta visibilità in dotazione.

Una volta raggiunta la testuggine, dopo averla sollevata con cautela prendendola dai fianchi (l'animale è innocuo e non morde), attraversare la strada nella direzione di marcia che la tartaruga stava seguendo. Se vedete ostacoli o vi rendete conto che la zona scelta dalla tartaruga potrebbe essere pericolosa, a quel punto verificate il luogo più adatto dove posarla. 

In ogni caso, se avete difficoltà o l’animale è ferito, non esitate a chiamare il numero di emergenza del Corpo Forestale di Stato 1515, oppure il 112 che vi indirizzerà sempre al personale del Corpo Forestale.

La tartaruga terrestre è un animale protetto ( Convenzione di Washington; Convenzione di Berna (legge 503/1981, allegato II); Dir. CEE 43/92 All. B,D; Legge Regionale 29 luglio 1998, n° 23). Prelevarlo dal suo habitat, a scopo commerciale o anche solo per custodirlo ed allevarlo nel proprio giardino (la detenzione di questi animali nati in cattività è regolamentata),  può avere conseguenze con deferimento all'Autorità Giudiziaria e pesanti sanzioni pecuniarie.  In Sardegna l'ultimo prelevamento illegale sanzionato risale proprio a tre giorni fa. Un passeggero sardo è stato fermato al porto Isola Bianca di Olbia mentre stava per imbarcarsi sul traghetto diretto a Livorno. Durante un controllo, gli agenti della Security dell’Autorità di Sistema Portuale del Mare di Sardegna hanno scoperto due tartarughe dentro una scatola custodita nel bagagliaio.  Le tartarughe verranno liberate dove erano state illegalmente, ovvero nella zona di Sant’Antioco, a sud della Sardegna.