Sunday, 16 June 2024

Informazione dal 1999

Bianca, Cronaca, Cultura, Storia

Olbia: successo per il primo convegno sulla figura del martire Simplicio

Primo Convegno simpliciano a 1720 anni dal martirio del santo patrono

Olbia: successo per il primo convegno sulla figura del martire Simplicio
Olbia: successo per il primo convegno sulla figura del martire Simplicio
Patrizia Anziani

Pubblicato il 13 May 2024 alle 19:00

condividi articolo:

Olbia. Quest’anno, in occasione dei festeggiamenti di San Simplicio, protettore di Olbia, della Gallura, e della Diocesi di Tempio Ampuriassi è tenuto un importante convegno dedicato alla sua figura presso l'omonima basilica

Mentre si avvicina il 15 maggiomomento clou della festa patronaleieri si è svolto il "Convegno simpliciano a 1720 dal martirio del santo patrono", organizzato dalla Parrocchia di San Simplicio in collaborazione con l'Istituto superiore di Scienze Religiose di Sassari/ Tempio Ampurias Euromediterraneo.

Ad accogliere i tre relatori del primo convegno interamente dedicato alla figura di Simplicio il padrone di casa, don Antonio Tamponi che ha ringraziato sin da subito tutti i presenti, le autorità civili e religiose tra cui mons. Roberto Fornaciari, Vescovo di Tempio-Ampurias, il vescovo emerito mons. Sebastiano Sanguinetti e don Debidda.

Il parroco di San Simplicio, ringraziando i relatori: l'arcivescovo metropolita della Diocesi di Sassari,  mons. Gian Franco Saba, il cavalier Carlo Lazzari, capitano del gruppo di Olbia della Guardia di Finanza; mons. Paolo Pala, parroco di Palau e il moderatore della serata, il prof. Giorgio Diana, parroco di Porto Cervo e direttore dello IEM, ha annunciato la pubblicazione di un volume dedicato a tutti gli studi che verranno esposti e raccolti nel corso di questi prossimi cinque anni: "Abbiamo cinque anni per arrivare al Giubileo simpliciano. La basilica è bellissima, è stata studiata sufficientemente, non è mai abbastanza, ma adesso dobbiamo iniziare parlare di Simplicio perché è attorno a lui che ci dobbiamo riunire e riscoprire le nostre radici", ha dichiarato don Tamponi durante la sua breve e colta introduzione.

 La celebrazione di quest'anno ha assunto un significato particolarepoiché segna il 1720° anniversario dall'anno del suo martirio, un traguardo che sottolinea l'importanza di questa figura storica e religiosa.  Il convegno, tenutosi presso la basilica di San Simplicio  ha offerto un'opportunità unica per approfondire la conoscenza della vita e dell'eredità di San Simplicio, attraverso le presentazioni di eminenti figure ecclesiastiche e accademiche.

La partecipazione di mons. Gian Franco Saba, mons. Paolo Pala e del cavalier Carlo Lazzari, insieme al coordinamento del prof. Giorgio Diana ha arricchito l'evento con diverse prospettive, dalla teologia alla storia, dall'economia al diritto dell'epoca in cui visse San Simplicio, martirizzato nel 304 d.C., al tempo della terribile persecuzione contro i cristiani ordinata dall'imperatore Diocleziano. 

La pubblicazione di un volume che raccoglierà gli studi di questi cinque anni  è un'iniziativa lodevole che contribuirà a mantenere viva la memoria del santo e a promuovere ulteriori ricerche

Questo lavoro collettivo sarà un prezioso contributo alla comprensione del patrimonio culturale e religioso della Gallura, e servirà da fondamento per le future generazioni che si  avvicineranno alla figura di San Simplicio, non solo come santo patrono, ma anche come   simbolo di unità e di radici comuni.