domenica, 29 gennaio 2023

Informazione dal 1999

Politica

Olbia: "Cultura Identità" compie 5 anni

L'evento in città

Olbia:
Olbia:
Olbia.it

Pubblicato il 07 dicembre 2022 alle 15:56

condividi articolo:

Olbia. Federica Porcu, Vicesindaca del comune di La Maddalena, referente territoriale dell’Associazione “Cultura Identità”, ha organizzato per sabato 10 dicembre alle 18.30, nella sede di Fratelli d’Italia in Via Fausania ad Olbia, l’evento celebrativo per i cinque anni dell’Associazione. 

Cultura Identità è un movimento nato sul palco del Teatro Manzoni di Milano dove giornalisti, artisti, intellettuali e amministratori risposero all’appello lanciato da Edoardo Sylos Labini che proponeva di difendere e rilanciare l’identità e i simboli culturali dei nostri territori in un mondo sempre più globalizzato.

“Il nostro è un impegno di militanza attiva in difesa del patrimonio artistico, culturale e ambientale italiano”, afferma il fondatore dell’Associazione Sylos Labini.

Per celebrare questo quinto compleanno di Cultura Identità, Federica Porcu ha organizzato un evento aperto al pubblico, durante il quale verranno raccontate le principali attività svolte dall’Associazione in questi anni e saranno distribuite, a tutti gli ospiti, le copie del mensile di dicembre, disponibile anche in tutte le edicole. Durante la serata, moderata dal giornalista Giandomenico Mele, verrà effettuato un collegamento in diretta con l’onorevole Federico Mollicone, presidente della Commissione Cultura della Camera dei Deputati.

“Sono entrata a far parte di Cultura Identità nell’agosto del 2019”, dichiara la Vicesindaca di La Maddalena Federica Porcu, “partecipando al Teatro Manzoni all’evento teatrale “1919 Fiume - Città d’arte e di vita”, messo in scena da Edoardo e rimasi subito affascinata dalla potenza espressiva di questo movimento. Sabato sarà un momento di dialogo, confronto culturale ma anche di festa, dopo due anni di sospensione di tutti gli eventi nei territori a causa della pandemia. Cultura Identità crescerà tanto, anche in Sardegna, con l’aiuto di validi referenti territoriali che difenderanno la cultura e l’identità italiana.”