Sunday, 16 June 2024

Informazione dal 1999

Annunci, Cultura, Eventi, Storia

Museo archeologico di Olbia, "Dalla Dea Madre a San Simplicio": oggi l'archeologa Paola Mancini

Da oggi tre giornate di studi e conferenze ideate dal Lions Club di Olbia

Museo archeologico di Olbia,
Museo archeologico di Olbia,
Patrizia Anziani

Pubblicato il 03 May 2024 alle 06:00

condividi articolo:

Olbia. Al via l’interessante iniziativa "Dalla Dea Madre a San Simplicio" organizzata dal Lions Clud Olbia con il Patrocinio del Comune di Olbia. Oggi, 3 maggio, alle ore 10 ad aprire i lavori nella sala conferenze del Museo Archeologico di Olbia sarà l'archeologa Paola Mancini.  Dopo la conferenza mattutina, la prima giornata di studi, intitolata"Il territorio di Olbia dal Neolitico all'Età Nuragica", prevede a partire dalle ore 15:30 la visita guidata dei siti archeologici "Pozzo Sacro di Sa Testa e "Nuraghe Paulelada".

La dottoressa Mancini per l'occasione proporrà un interressante ed inedito racconto del paesaggio più antico del territorio olbiese avvalendosi del supporto di Simplicio Usai profondo conoscitore dei luoghi. 

La tre giorni "Dalla Dea Madre a San Simplicio", ideata dal Lions Club Olbia, è un'importante iniziativa culturale che mira a esplorare e celebrare la ricca storia di Olbia, una città con un patrimonio che si estende per oltre cinquemila anni, attraverso un programma di tre conferenze e visite guidate dai noti archeologi Paola Mancini (Preistoria), Rubens D'Oriano (Età preromana e romana) e Marco Agostino Amucano  (Medioevo), i quali da decenni si sono occupati a vario titolo dello studio delle diverse epoche. La scelta di ospitare l'evento presso il Museo Archeologico di Olbia sottolinea il legame profondo tra la città e le sue radici storiche. La combinazione di attività teoriche e pratiche è pensata per stimolare una comprensione più profonda e personale della storia locale

 Aperto al pubblico in forma del tutto gratuita "Dalla Dea Madre a San Simplicio" è più di un semplice evento: è un ponte tra il passato e il presente, un'opportunità per riconnettersi con le radici di Olbia e per celebrare la continuità e l'evoluzione della sua identità culturale. Con la sua offerta di conoscenza e di esperienza diretta, l'evento promette di essere un momento indimenticabile per tutti coloro che vi prenderanno parte.