sabato, 15 maggio 2021

Informazione dal 1999

Cronaca

La Maddalena, disabili: clamore per l'utilizzo delle sedie JOB

La Maddalena, disabili: clamore per l'utilizzo delle sedie JOB
La Maddalena, disabili: clamore per l'utilizzo delle sedie JOB
Laura Scarpellini

Pubblicato il 22 agosto 2020 alle 11:29

condividi articolo:

La Maddalena, 22 agosto 2020 - Ormai i social sempre più spesso si rivelano essere il mezzo più veloce per segnalare alla comunità un disservizio, o un malcontento sociale.

Questa volta le eloquenti foto apparse su numerosi post negli ultimi giorni, hanno fortemente indignato la comunità de La Maddalena, e non solo.

E'stata ritratta in più occasioni la preziosa sedia Job studiata appositamente per consentire un agevole accesso in acqua ai disabili, essere utilizzata per il relax pomeridiano dei bagnini.

"Il servizio di sorveglianza e salvataggio si effettua sulle sedie JOB destinate alle persone diversamente abili,- esordisce sui social la presidentessa dell'associazione Insieme per il domani, Lia Salvi.- Quest’anno l’amministrazione comunale ha affidato il servizio di sorveglianza e salvataggio all’associazione Volontari Sicurezza e Salvaguardia Marina di Orosei, che se ne è aggiudicata il bando. Il bando, chiusosi il 9 luglio scorso, prevedeva 62 giorni di servizio. Vista l’importanza di mantenere le bandiere blu si pensava che il servizio venisse avviato quantomeno nel mese di luglio.Invece fino ad agosto di bagnini sulle spiagge di Bassa Trinità, Monti da Rena e Tegge, non se ne sono visti".

L'associazione maddalenina da oltre 11 anni porta avanti numerose iniziative sociali volte a migliore la qualità della vita, e ad una stimolante inclusione sociale per i diversamente abili.

"Il bando prevedeva che la ditta aggiudicataria, fornisse una postazione di avvistamento sulla quale il bagnino avrebbe dovuto stazionare durante il servizio, per avere l'ottimale visibilità della zona da sorvegliare.- prosegue Lia Salvi.- Ogni postazione veniva dotata inoltre di sedie JOB destinate alle persone diversamente abili per agevolare il loro nell’ingresso in acqua".

"Dopo aver ricevuto diverse segnalazioni da diversi nostri associati e da numerosi cittadini de La Maddalena, non ho potuto fare a meno di esprimere attraverso i social tutto il mio sdegno e il rammarico per questa situazione al limite del paradosso.- prosegue poi la presidentessa Lia Salvi -"Quando tempo fa addirittura il nostro concittadino il cantante Valerio Scanù ci fece omaggio di una sedia Job per i disabili della sua città, mai avremmo potuto immaginare che la sensibilità e il rispetto per la dignità dei diversamente abili potesse scendere così in basso! Chiediamo rispetto e chiarezza sia come cittadini maddalenini, che da operatori volontari".

Da quanto riportato dalle foto reperibili ovunque in rete, e dalle parole di Lia Salvi, le cose sono andate diversamente: "Le sedie in questione che hanno un valore di diverse centinaia e sono state acquistate dall’amministrazione comunale maddalenina, a quanto pare sono utilizzate per scopi completamente diversi dalla loro funzione".

La presidentessa ci tiene a far presente che le emblematiche postazioni di avvistamento dei bagnini sugli arenili maddalenini evidenziati, non vengono mai utilizzate. Gli stessi a quanto pare svolgono il loro servizio seduti sulle sedie JOB, che invece dovrebbero essere solo a disposizione delle persone diversamente abili in caso di bisogno, e messe in bella mostra.

L’ombrellone rosso con l'inequivocabile dicitura "salvataggio", nelle foto si vede ben collocato vicino alla sedia JOB invece di essere posizionato sulla postazione di avvistamento.

"Ad oggi 20 agosto il bagnino non si è mai visto prestare servizio sulla postazione di avvistamento in nessuna delle tre spiagge come invece previsto dall’ordinanza di sicurezza balneare.- Lia Salvi prosegue - E’ possibile che dette postazioni di avvistamento non siano a norma e neppure messe in sicurezza ?E allora, a cosa servirebbero?"

Siamo certi che l'allure hollywoodiana tipica della figura di baywacht dopo tutto il clamore che l'argomento sta suscitando sia sui social che sul territorio maddalenino, lascerà il posto ad una maggiore consapevolezza del prezioso ruolo e supporto da offrire ai disabili, e a coloro che ne hanno bisogno.