mercoledì, 14 aprile 2021

Informazione dal 1999

Cronaca, Bianca

Golfo Aranci, il comitato Maremosso contro l'allevamento di cozze e ostriche: "salviamo la costa"

Il comitato cambia nome e si prepara a proseguire la battaglia per la salvaguardia delle ricchezze ambientali del territorio

Golfo Aranci, il comitato Maremosso contro l'allevamento di cozze e ostriche:
Golfo Aranci, il comitato Maremosso contro l'allevamento di cozze e ostriche:
Camilla Pisani

Pubblicato il 24 febbraio 2021 alle 06:00

condividi articolo:

La cittadinanza attiva rappresenta un tassello fondamentale del vivere la collettività, benché spesso e volentieri siano gli stessi cittadini a dimenticarlo, lasciando campo libero alle decisioni “dall’alto” di un certo tipo di politica, sempre più scollata dalle esigenze del Paese reale.

Ma ci sono segnali di grande forza, sul territorio: è il caso del comitato "Salviamo la costa di Golfo Aranci", che da mesi milita contro l'installazione di un impianto d'allevamento di ostriche e cozze di 48mila metri quadrati, che sarà realizzato proprio in quello spicchio di mare, di fronte all'isolotto di Figarolo. La protesta del comitato ha raccolto a oggi oltre 49.600 firme con una petizione on line per opporsi all'impianto. Tante le adesioni di personaggi famosi, tra cui spiccano quelle di diversi vip come la regista Lina Wertmüller, il cantante Piero Pelù, la presentatrice tv Licia Colò.

Il comitato nasce spontaneamente, riunendo un gruppo di cittadini fortemente preoccupati dalla gestione di un tema cruciale per lo sviluppo locale come la concessione demaniale che autorizza la nascita di un allevamento di mitili e ostriche nello specchio acqueo di 48000 mq ubicato tra l’isola di Figarolo e il Porto di Golfo Aranci, nella parte di costa denominata Baracconi.

Lo stimolo a riunirsi ed a mettere in campo la protesta arriva dopo il rigetto del ricorso a TAR e Consiglio di stato da parte dell’amministrazione comunale che ha inteso contrastare la Det. n 4886/Det/161 con cui la RAS - Regione Autonoma della Sardegna approva la concessione demaniale per anni 15 anni.
Considerando il notevole valore paesaggistico e ambientale della zona, attigua alla ZPS e all'area SIC di Capo Figari e Figarolo- e individuata tra l'altro dal Comune di Golfo Aranci come zona di pregio per uno sviluppo turistico sostenibile – il comitato promuove la necessità di adoperarsi per evitare un permanente e irreparabile danno alla bellezza e all'ambiente del territorio.

Il comitato “Salviamo la costa di Golfo Aranci” che in questi mesi ha battagliato e tenuto alta l'attenzione su diversi temi legati alla protezione del territorio, del patrimonio culturale e dell’ambiente si evolve e cambia nome in MAREMOSSO. Un’ evoluzione che i promotori ritengono necessaria per rinnovare l’impegno e ampliare le possibilità di azione. Il comitato si è costituito nel luglio 2020 in contrasto alla concessione di uno specchio d’acqua per l’allevamento di mitili.

”Da quel momento in poi, spiega il comitato, abbiamo fatto luce su procedimenti poco chiari, abbiamo protestato, abbiamo individuato e affrontato i disastri previsti nel nostro territorio. Abbiamo portato le nostre cause all’attenzione di Ministri, del Consiglio e della Presidenza della Regione. Abbiamo riunito, sotto lo stesso urlo e al grido disperato di #golfoarancinonsitocca, 50.000 persone e coinvolto moltissime realtà locali. Abbiamo fatto squadra, abbiamo discusso con la cittadinanza. Siamo approdati sulla stampa nazionale con centinaia di articoli, siamo stati affiancati dalla carica di testimonial internazionali come Lina Wertmüller e rockstar come Piero Pelù.

Abbiamo organizzato giornate ecologiche, flash mob e gite educative per i bambini. Non ci siamo mai fermati. Riteniamo sia arrivato il momento di dare continuità e stabilità al gruppo. È il momento delle proposte, delle collaborazioni, del lavoro alla ricerca di idee e progetti per il bene della collettività e per la crescita di una consapevolezza culturale e ambientale nel nostro territorio. È arrivato il momento di evolversi, il momento di costruire in modo propositivo.”

Queste le motivazioni su cui si fonda il cambiamento: il comitato #salviamolacostadigolfoaranci si trasforma in #maremosso. Un cambiamento nel segno della continuità, un proseguimento del vecchio comitato con obiettivi e priorità più ampi, un gruppo di cittadini attivi che lavorerà per il bene collettivo.

Il cambiamento è accompagnato da un concept che descrive appieno il mood del comitato: il mare, che rappresenta la forza del territorio e il suo patrimonio  “mosso” perché è in movimento ed esprime la sua energia.

“Siamo partiti, nel luglio 2020, su questa emergenza relativa all’installazione degli allevamenti di cozze ed ostriche, che andrebbe ad inficiare un’area ricca sia sul fronte terrestre, come ad esempio la presenza dei mufloni a Figarolo, sia marina. Ad una nascita spontanea, emersa semplicemente per capirci un po’ di più sui provvedimenti che ritenevamo non consoni alla nostra area, è seguito un processo di chiarificazione di quegli stessi provvedimenti e delle procedure legislative, che hanno stimolato la coscienza civica e la voglia di riappropriarsi del proprio ruolo di cittadini, a volte soverchiato da decisioni venute dalle istituzioni che dimenticano di confrontarsi con la cittadinanza. Altro obiettivo del comitato è quello di sensibilizzare i giovani e i bambini ai temi della coscienza ambientale; a tal proposito abbiamo organizzato una serie di eventi e giornate ecologiche che hanno avuto un deciso riscontro. La fase odierna è quella di riunirci e strutturarci in maniera un po’ più formalizzata e proporre sistematicamente idee che siano a favore dell’ambiente e della comunità. L’obiettivo è quello di captare quello che viene dal basso, capire le esigenze dei cittadini affinché le nostre proposte siano sempre volte al bene della collettività, incentivando sempre più la partecipazione dei cittadini alle cose pubbliche. Essendo il flash mob creativo la cifra che ha caratterizzato la nostra attività, stiamo organizzando una manifestazione creativa per presentare Maremosso” spiegano i membri del comitato.

Cittadinanza attiva al servizio dell’ambiente e della salvaguardia delle ricchezze paesaggistiche di Golfo Aranci: questo il concept proposto da Maremosso, la cui causa, già sostenuta da vip e gente comune, si prepara ad allargarsi e coinvolgere più persone possibile, nel segno della sostenibilità e della consapevolezza ambientale.