martedì, 19 gennaio 2021

Informazione dal 1999

Cronaca

Arzachena: novità in arrivo per l'artigianato

Arzachena: novità in arrivo per l'artigianato
Arzachena: novità in arrivo per l'artigianato
Laura Scarpellini

Pubblicato il 21 novembre 2019 alle 13:21

condividi articolo:

Arzachena 20 novembre 2019 -IlComune di Arzachena a quanto pare non sembra essere interessato solamente ad un proprio sviluppo sul fronte turistico o culturale. Viene rivolta molta attenzione anche al comparto artigianale che ha una grande valenza territoriale. Si intende pertanto puntare ancheallo sviluppo dell’area artigianale per favorire così la nascita e lo sviluppo di nuove attività che vadano ad incrementare l’economia locale.

Sono state identificate otto aree del patrimonio comunale inglobate nel piano degli insediamenti produttivi (Pip) in località Naseddu .Un bando pubblicato il 16 novembre ha permesso così che vengano sono messe a disposizione dalla pubblica amministrazione con che le assegnerà agli imprenditori arzachenesi.

E' stata sviluppata tutta una serie di requisiti e motivazioni per stilare la graduatoria che avrà validità di 3 anni per facilitare l’attribuzione di altre aree ricomprese tra le 52 del Pip che nel frattempo il Comune potrebbe tornarne in possesso, perché inutilizzate dai precedenti assegnatari. E proprio a tal riguardo alcuni hanno già manifestato la volontà di restituirle formalment tanto che tali aree andranno a costituire un’ulteriore opportunità per sostenere nuovi progetti d’impresa.

Il bando si prefissa anche la riorganizzazione delle attività presenti a livello territoriale con lo scopo di incentivare lo spostamento nel Pip le attività allocate in zone a destinazione urbanistica non compatibili.

Inoltre si intende incentivare lo spostamento nel Pip delle attività situate in aree a rischio idrogeologico, o quelle rumorose o inquinanti situate all’interno del perimetro urbano.

Le domande possono essere presentate dal16 dicembre 2019edentro le ore 13:00 del 15 gennaio 2020. Il costo dei lotti al metro quadro è fissato a25,94 euro(venticinque euro e 94 centesimi), l’estensione va da unminimo di 612 a un massimo di 1.192 metri quadri.

L’incontro che si è tenuto i primi di novembre tra il Comune e l’assessore regionale all’Industria Anita Pili, ha posto le basi per trattare con Cagliari sulla distribuzione di risorse utili alla realizzazione di infrastrutture.

Tante novità in programma per dare nuovo vigore all'artigianato territoriale che conferisce valore alla creatività tipica del territorio.

Cronaca

Cronaca