sabato, 25 settembre 2021

Informazione dal 1999

Politica

Verso il nuovo Piano Mobilità: 54.000 euro in rastrelliere e pannelli

Un'azione mirata per il progetto Cyclewalk

Verso il nuovo Piano Mobilità: 54.000 euro in rastrelliere e pannelli
Verso il nuovo Piano Mobilità: 54.000 euro in rastrelliere e pannelli
Angela Galiberti

Pubblicato il 19 gennaio 2021 alle 06:00

condividi articolo:

Olbia. Un'azione pilota, nel solco del progetto europeo Cyclewalk: è ciò che sta portando avanti l'amministrazione comunale grazie a una serie di fondi Interreg Europe. Un progetto importante che porterà la città di Olbia ad avere un nuovo piano della mobilità urbana. Tale azione pilota ha uno scopo ben preciso: studiare le abitudini degli utenti e provare a sviluppare una connettività intermodale ecologica a favore delle biciclette. Il costo di questo progetto è di circa 54.000 euro e prevede le seguenti azioni: realizzazione di un punto di servizio per biciclette nell’area della nuova stazione ferroviaria, comprendente un parcheggio dotato di rastrelliere, armadietti e un pompa per il gonfiaggio delle gomme; implementazione di una segnaletica di orientamento (wayfinding) che servirà principalmente per dare informazioni ai pedoni e ai ciclisti ("i pannelli segnaletici saranno dotati di codici QR con i quali sarà possibile monitorare l'uso e la frequenza di accesso al punto specifico di informazione, ottenendo dati che potranno essere utili nello sviluppo della pianificazione", si legge nella delibera). Il Piano di Azione del Comune di Olbia per il progetto Cyclewalk è piuttosto articolato e porterà, alla fine di tutte le tappe, ad avere un PUM più orientato alle necessità delle persone. Nel dettaglio, il Piano di Azione del progetto Cyclewalk definisce queste due priorità. "La prima priorità, strettamente collegata all'obiettivo principale del progetto CYCLEWALK, è sostenere il passaggio delle persone dall'uso dell'auto all'utilizzo della bicicletta per la loro mobilità quotidiana, offrendo così un contributo specifico alla riduzione delle emissioni di CO2. Il BICIPLAN già incluso nel Piano di mobilità urbana (PUM) come strumento politico sarà aggiornato tenendo conto delle buone pratiche condivise nella fase del progetto di scambio di conoscenze, dei criteri di qualità e del processo convalidato nella gestione della raccolta dei dati identificativi, in relazione agli “utenti obiettivo” (target users), alle caratteristiche urbane e alle opzioni tecniche che definiscono la qualità della mobilità ciclistica, delle infrastrutture e della rete ciclabile", si legge nel piano. "La seconda priorità è l'integrazione nel PUM di un PIANO PEDONALE o WALK PLAN. Raggiungere un posto a piedi è un diritto che è stato spesso trascurato, il che ostacola la mobilità di un grande gruppo target che non è in grado di guidare un'auto. La capacità di spostarsi da un luogo a un altro in modo sicuro e conveniente come un pedone spesso determina se una persona decide di camminare, usare una bicicletta, prendere i mezzi pubblici o guidare. Collegamenti mancanti all'interno del sistema pedonale, scarsa manutenzione e manutenzione e / o condizioni pericolose sono destinati a scoraggiare i pedoni e promuovere alternative connesse al trasporto motorizzato e passivo. Per affrontare questi problemi e apportare miglioramenti, Olbia deve pianificare una strategia sistematica per costruire, migliorare e mantenere le infrastrutture pedonali in tutta la città e promuovere la mobilità sana e attiva come prime opzioni. Il Piano della pedonalità (Walk Plan) ha lo scopo di guidare il processo di sviluppo di tale strategia". Sui marciapiedi Olbia dovrà investire moltissimo se vuole davvero rendere il Piano Pedonale una realtà concreta e non un pezzo di carta: moltissimi marciapiedi sono vetusti e malatandati, altri sono di vecchia concezione, altri sono pieni di barriere architettoniche e alcuni hanno persino i pali in mezzo al passaggio tanto da renderli inutili.  Per quanto riguarda il Biciplan, il Piano di Azione si propone di "Pianificare e fornire una rete ciclabile di alta qualità che sia sicura e utilizzabile per più persone, con una infrastruttura dotata di dettagli di qualità; Incoraggiare la mobilità ciclabile per promuovere la salute pubblica e uno stile di vita attivo attraverso il miglioramento delle strutture e delle infrastrutture". Al momento Olbia non dispone di una rete ciclabile sicura per gli spostamenti quotidiani. Per quanto riguarda, invece, l'azione pilota descritta in apertura, il piano di azione spiega: "Olbia non ha strutture protette per biciclette vicino alle stazioni ferroviarie o degli autobus e ha pensato che questo potesse essere un fattore di ostacolo per i pendolari e per cittadini attivi potenzialmente interessati. Quindi si propone la realizzazione di un punto di servizio per biciclette, dotato di 20 rastrelliere di una pompa pubblica, che verrà installato nell’area della nuova stazione ferroviaria, in un sito protetto; la struttura sarà integrata da armadietti per i bagagli. Lo scopo è quello di verificare se, e in quale misure, tale intervento funzionerà da fattore di attrazione  affinché i pendolari, gli studenti (nell'area si trovano tre edifici delle scuole superiori) e i visitatori possano prendere in considerazione le opzioni Bike-Train-Bike". Il costo di tutta questa operazione (aggiornamento biciplan, piano pedonale e azione pilota) è di 141.344 euro. La speranza è che queste azioni siano accompagnate dalla realizzazione - concreta - della rete ciclabile cittadina: una rete utile agli spostamenti quotidiani e non solo ai turisti che desiderano passeggiare sul lungomare.