Da 838 giorni 8 ore 48 minuti 52 secondi questa testata è stata 'censurata' dal sindaco Nizzi per aver consultato i cittadini. Ecco i dettagli, o leggi le notizie secondo LUI.

Spesati orizzontale offerte
Cronaca Olbia

Sanità olbiese si organizza: 4 positivi al GP II in modulo isolato, Mater Olbia in pole position

iRiparo Olbia dieffe 1400 domenico castaldo

Olbia, 27 marzo 2020 – L’emergenza Covid-19 ha di fatto costretto a un ripensamento totale della sanità regionale in particolare nel Nord Sardegna, dove si sono registrati il maggior numero di casi positivi tra sanitari.

Ben 106 operatori sono stati contagiati dal Sars-Cov-2 nel territorio della Provincia di Sassari che comprende anche la Gallura.

Studio Dentistico Satta 300

15 di questi sono operatori del Giovanni Paolo II di Olbia che ha avviato uno screening a tappeto di tutta la struttura: dipendenti e pazienti.

Mentre uno degli operatori sanitari positivi è stato trasferito a Sassari già nei giorni scorsi, la positività degli altri 14 ha costretto l’ospedale a una ferrea riorganizzazione.

Medicina, Ortopedia e Chirurgia sono ancora chiusi in attesa di conoscere l’esito totale dei tamponi e della sanificazione.

Il Centro Trasfusionale ha riaperto i battenti senza problemi: le terapie ai talassemici proseguono senza intoppi, così come le donazioni (a tal proposito: torniamo a donare).

Dialisi funziona regolarmente così come l’Utic. Rianimazione, il reparto dove si è registrato il primo caso di Covid+, ha riaperto parzialmente con 3 posti letto.

Per i 4 pazienti risultati positivi presenti nell’ospedale è stata creata un’area apposita dove ricevono assistenza e cura.

Si tratta di un modulo isolato dagli altri reparti che rimarrà attivo anche quando i 4 pazienti presenti verranno trasferiti.

L’ospedale civile di Olbia non è un “Covid Hospital”, ma dovrà essere pronto a ogni evenienza: ecco perché il modulo non verrà “smantellato” con il trasferimento dei 4 pazienti, ma rimarrà attivo.

Per contro, uno dei pazienti negativi al Sars-Cov-2 della Rianimazione – dopo essere stato isolato da quelli positivi per essere messo in sicurezza – è stato trasferito a Carbonia qualche giorno fa: è ancora ricoverato e sottoposto alle cure dei medici del Sirai.

La situazione sta lentamente tornando alla normalità, ma si attendono ancora i risultati di molti tamponi e da questi risultati dipenderà l’evoluzione della riorganizzazione dell’Ospedale olbiese i cui operatori, giova ricordarlo, non hanno mai smesso di lavorare.

Se il Giovanni Paolo II dovrà tenere un modulo “Covid” per ogni evenienza, il punto di riferimento per il Sars-Cov-2 sarà il Mater Olbia che metterà a disposizione molto della sua struttura: non solo i 13 posti in terapia intensiva, ma anche un “Reparto Malattie infettive” ex novo, appositamente creato per l’emergenza.

A guidare la “conversione” del Mater in Covid hospital sarà il dott. Stefano Vella specializzato in Malattie Infettive e Medicina Interna.

Vella ha un curriculum stellare: tra le altre cose è stato direttore del Dipartimento del Farmaco all’ISS, dirigente di ricerca del Laboratorio di Virologia ISS, direttore del Centro Nazionale per la Salute Globale ISS e presidente dell’Agenzia Italiana del Farmaco.

Vella farà anche parte del nuovo comitato scientifico della Regione Sardegna che verrà attivato a breve. In sostanza, l’isola sta cercando di prepararsi a un eventuale picco.

Prink 1400
Studio dentistico Dottoresse Satta Olbia 1540
Commenti

Virali

Prink 1400
In Alto