Wednesday, 29 May 2024

Informazione dal 1999

Olbiachefu

Quando i laureati a Terranova erano una rarità

Quando i laureati a Terranova erano una rarità
Quando i laureati a Terranova erano una rarità
Federico Bardanzellu

Pubblicato il 16 October 2022 alle 19:00

condividi articolo:

Olbia. Sono passati ormai più di sette anni da quando l'ideatrice del blog OLBIAchefu, Patrizia Anziani, pubblicò una prima raccolta di fotografie accompagnata da brevi didascalie per svelare i volti dei “Laureati di Terranova”. La piccola ricerca fotografica si basava soprattutto sui laureati nell’Ateneo sassarese, grazie allo studio pubblicato on line dal bravissimo Guido Rombi di Archgall.it.

Con il tempo OlbiaCheFu è divenuto una sezione di Olbia.it e sul web sono emersi altri dati dei laureati dell’Università di Cagliari (tutti) e di Torino (facoltà di lettere e giurisprudenza). Altre notizie le abbiamo ottenute dall’Archivio Storico dell’Università di Roma-Sapienza, pur essendo attualmente in fase di riordino, oltre che da ulteriori ricerche sul web. Si è ritenuto opportuno, quindi, redigere e pubblicare su Olbia.it un nuovo articolo che aggiorni il precedente, recependo i dati di cui successivamente siamo venuti in possesso.

*             *             *

Il primo laureato nato a Terranova di cui si ha notizia resta il reverendo Gavino Cervo de Rosas di Pietro Paolo, nato nel 1820 e laureatosi in Teologia a Sassari il 7 agosto 1852. Il Cervo de Rosas fu sacerdote a Sassari e poi è deceduto nel corso dell'epidemia di colera il 6 agosto 1855. Risulta tra i 32 “benemeriti” commemorati nella lapide monumentale nello scalone del Palazzo Municipale di Sassari che si prodigarono nelle cure agli ammalati e poi morirono per la loro dedizione.

Abbiamo poi Giuseppe Delogu, primo laureato in Giurisprudenza della città.  Il Delogu inizialmente si era iscritto alla facoltà di Farmacia, poi cambiò indirizzo di studi presso l'Università di Cagliari.  Di lui conosciamo il voto di laurea (94/110), avvenuta il 21 luglio del 1897, e il titolo della tesi: “Appunti giuridici sulla legge e sulle funzioni del notariato in Italia”. Data la sua passione per la carriera notarile fu probabilmente lui quel Giuseppe Delogu notaio a Ghilarza all’inizio del XX secolo.

Marco Agostino Amucano è stato invece il primo olbiese a conseguire il titolo in Medicina e Chirurgia.  Nato a Terranova il 12 giugno 1874, si laureò in medicina a Cagliari il 28 giugno 1900. Anche di lui conosciamo il voto di laurea (99/110) e il titolo della tesi: “Etiologia della malaria”. Il dottor Amucano dal 1906, e per oltre quarant'anni, svolse l'incarico di "medico dei poveri" affrontando epidemie di malaria, colera e la terribile influenza "spagnola" A lui ed ad altri esimi personaggi si deve l'aver riportato ad Olbia, nel 1919, il piroscafo passeggeri della tratta per Civitavecchia, ponendo le basi per lo sviluppo e la funzione strategica che riveste oggi il porto della città. Il dottor Amucano fu sindaco di Olbia, venne eletto con voto plebiscitario nel 1948.

Il primo sindaco di Olbia laureato, tra il 1906 e il 1910, fu però Antonio Sotgiu di Giuseppe. Nato a Terranova il 10 ottobre 1876, si laureò in Giurisprudenza a Sassari il 7 luglio 1901. In seguito esercitò la professione di avvocato nella nostra città. Perseguitato dal fascismo fu costretto a lasciare la politica negli anni Venti.

 

Battista Bardanzellu di Giorgio nacque a Terranova P. il 16 settembre 1885 e si laureò in Giurisprudenza a Roma intorno al 1908. Fu avvocato specializzato in vertenze immobiliari e giurista. Autore di "La giurisprudenza della proprietà edilizia: Giurisprudenza civile e del lavoro. Giurisprudenza tributaria" (Roma, 1936) ed altre pubblicazioni giuridiche. Schedato come “sovversivo” nel Casellario politico centrale dal regime fascista, fu poi direttore amministrativo de “La Voce repubblicana” (1944-46), componente la Direzione Nazionale del PRI (1945-54), consigliere comunale (1946-1956) e assessore (1952-56) al Comune di Roma.

Suo fratello minore Achille, nato anch’egli a Terranova (29 ottobre 1890), si laureò in Medicina a Roma il 6 aprile 1916. Fu poi medico a Olbia, perseguitato dal fascismo e Cavaliere al merito della Repubblica “per particolari benemerenze acquisite nell'espletamento della professione medica”.

Il 28 luglio 1919, a Cagliari, con l’eccellente votazione di 108/110, si laureò in Giurisprudenza Giovanni Battista Codina, nato a Terranova P. il 18 novembre 1890. Codina fu Vice segretario generale della Confindustria dai primi anni '40 sino alla vigilia degli anni '70. Nei primissimi anni del dopoguerra fu anche attivista dell'Assolombarda (associazione industriali della Provincia di Milano) nella promozione di un nuovo corso di libertà economica e sociale filo-occidentale.

La prima donna olbiese a conseguire il diploma di Laurea fu Lillina Bardanzellu (Angela per l’anagrafe) di Giorgio, nata il 7 dicembre 1895 e laureatasi in Materie letterarie (facoltà di Magistero) a Roma intorno al 1920. Lillina fu subito insegnante a Cagliari dove incontrò il dott. Claudio Etzi di Mandas, neolaureato in Medicina nel capoluogo sardo. I due convolarono a nozze il 16 luglio 1923 e fu il primo matrimonio tra laureati che si tenne a Terranova[1]. Ma la famiglia Etzi-Bardanzellu vanta altri record, perché anche le quattro figlie femmine conseguirono poi la laurea. In particolare, Giorgina Etzi Bardanzellu si laureò in farmacia a Cagliari e poi subentrò nella titolarità dell’antica farmacia Tamponi (oggi Etzi-Delitala e situata in Viale Aldo Moro).

 

Giungiamo così a Giovanni Battista Piras di Giacomo. Nato nel luglio del 1887 e dopo aver frequentato le scuole elementari nella sua Terranova, Giovanni Battista si trasferì a Sassari dagli zii per diplomarsi con il massimo dei voti in ragioneria. Seguendo la sua passione per gli animali decise però di iscriversi in Zooiatria ( oggi Medicina veterinaria)  presso l’Università di Napoli dove si laureò nel 1922.  Dopo aver svolto il militare a Torino in qualità di veterinario, il dottor Piras vinse il concorso per veterinario condotto a Valmontone, vicino a Roma, ma preferì accettare una condotta in Sardegna, a Pattada, dove svolse la sua attività di veterinario fino all’età di 73 anni.

Sempre nel 1922 a Napoli si laureò in Medicina Giovanni Lupacciolu di Antonio, classe 1897. Il dottor Lupacciolu si specializzò in Radiologia a Roma nel 1929. Fu radiologo capo dell'Istituto di Patologia medica; poi direttore del reparto di Radiologia della Clinica medica di Roma. Ideò la metodica tridimensionale applicata alla diagnostica radiologica.

Il dott. Ennio Roych di Giovanni, nato nel marzo 1899, si laureò nel 1923 in Medicina veterinaria a Pisa discutendo la tesi: “Topografia delle placche del Peyer nel bue, daino, gatto, coniglio, cavia”. Fu medico veterinario condotto a Mamoiada, Oliena-Orgosolo, Escalaplano-Perdasdefogu e Berchidda.

Giuseppe Sotgiu di Antonio, nato a Terranova il 9 aprile 1902, si laureò in Giurisprudenza a Roma intorno al 1925. Avvocato penalista di gran fama, è noto per le assoluzioni ottenute in primo grado nei celebri processi Bebawi e Lorenzo Bozano. Fu autore di numerosi testi giuridici tra i quali: “Lineamenti del processo penale italiano”, “Studi di diritto e procedura penale” e “Problemi giuridici della circolazione stradale”. Intraprese anche un’interessante carriera politica divenendo Presidente della Provincia di Roma (1952-1954) e poi Sindaco di Olbia (1970-73), così come lo era stato il padre ad inizio secolo.

Abbiamo poi i fratelli Felice (“Felicino”) e Achille Pinna di Giovanni. Il primo si laureò in Medicina a Sassari, il 9 luglio 1925 e fu a lungo medico a Terranova. Il minore Achille, nato a Terranova il 2 ottobre 1903 si laureò in Giurisprudenza, sempre a Sassari, il 4 luglio 1929. Anch’egli esercitò la professione di avvocato nella nostra città e fu più volte consigliere comunale (1946-1958).

Leonardo (“Nando”) Lupacciolu di Antonio, nato il 3 marzo 1904, fu prima immatricolato a Cagliari nella facoltà di Farmacia e poi, nell’A.A. 1924-1925, si iscrisse presso l'Università degli studi di Roma, dove si laureò intorno al 1930. Il Lupacciolu subentrò poi nella titolarità della farmacia Giorgini.

L’anno successivo (1931) si laureò in Ingegneria a Palermo il fratello maggiore Mario Lupacciolu, nato a Terranova il 21 aprile 1902. Fu titolare di una grande impresa edile e conosciuto tra gli strati popolari semplicemente come “l’ingegnere”.

L’avvocato Carlo Francesco Putzu, nato a Terranova il 4 maggio 1905, si iscrisse prima a Genova, nella facoltà di Giurisprudenza e poi si trasferì a Torino, nel secondo anno di corso. Si laureò il 24 marzo 1934 ed esercitò la professione di avvocato nel Foro di Tempio Pausania e poi fu sindaco della città natale, nel 1946.

Piero Antonio Amucano di Marco Agostino, nato il 9 dicembre 1909, si laureò in Giurisprudenza a Torino il 12 luglio 1935. Conosciamo il titolo della sua tesi di laurea: “Estensione nel tempo e nello spazio del contratto collettivo di lavoro”. Fu anch’egli avvocato e consigliere comunale.

L’avvocato Giovanni Maria Picciaredda di Leonardo nacque a Terranova il 29 ottobre 1910. Si laureò in Giurisprudenza a Sassari il 26 ottobre 1935 e poi fu assunto al Ministero delle Colonie, con destinazione Addis Abeba. Nel dopoguerra esercitò la professione a Olbia.

Antonio Maciocco di Gavino, noto Tonino, nato a Terranova il 7 luglio 1910, si laureò in Medicina a Sassari il 30 giugno 1936. Fu medico e fu poi sindaco di Olbia tra il 1950 e il 1952.

Giungiamo così al dott. Casimiro Simonetti, di Giovanni Maria, nato a Terranova il 18 marzo 1913 e laureato in Medicina a Sassari il 6 luglio 1937. Specializzato in radiologia a Roma, si stabilì ad Asmara dove si sposò ed ebbe le figlie. In Eritrea pubblicò articoli scientifici e collaborò anche con gli inglesi, nell’ospedale da campo dove era stato internato, nel vero spirito del giuramento di Ippocrate. Nel dopoguerra fu primario dell'Ospedale Santo Spirito di Roma e docente di Radiologia. Per le sue capacità e conoscenze fu scelto da Papa Pio XII come radiologo di fiducia.

A Olbia esercitò anche l’avvocato Tommaso Rasenti, nato nella nostra città il 9 dicembre 1912 e laureato in Giurisprudenza a Sassari il 18 novembre 1937.

Girolamo Sotgiu di Antonio nacque il 22 agosto 1915. Si laureò in lettere all’Università di Roma intorno al 1938, con relatore il prof. Natalino Sapegno. Fu professore di storia moderna nella facoltà di Scienze politiche dell'Università di Cagliari, fondò e diresse la rivista "Archivio sardo del movimento operaio contadino e autonomistico", laboratorio delle successive generazioni di storici sardi. Ha redatto una serie di volumi di storia moderna e contemporanea della Sardegna. Fu consigliere comunale (Olbia 1952), Consigliere regionale (Sardegna 1949-1968) poi senatore della Repubblica (1968-1972). Nel 2015 fu iscritto tra i Giusti tra le nazioni a Yad Vashem, per aver salvato dalla deportazione una bambina ebrea, dichiarandola sua figlia. Ottenne di essere sepolto nel piccolo cimitero di Tavolara, compreso nel nostro territorio comunale.

In questa nostra ricerca è emerso comunque un dato che fa riflettere. I titolari delle prime due farmacie di Terranova erano entrambi “forestieri”. Trattasi di Giovanni Battista Tamponi Sorba, nato a Calangianus il 7 aprile 1831 che si laureò in Farmacia a Cagliari il 21 dicembre 1859. A lui va il merito di aver aperto la prima farmacia, intorno al 1876, in Corso Umberto I 64, allora Via Umberto 17. Resta di lui un bel monumento funebre al Cimitero Nuovo, eretto alla sua scomparsa, nel 1892. Olbiese di adozione fu anche il farmacista Cesare Giorgini, che aprì la seconda farmacia olbiese, sempre in Corso Umberto I ma all’angolo con Via Porto Romano. La sua nascita, infatti, fu registrata all’anagrafe di Ancona il 20 aprile 1882 a nome Giulio Cesare Glauco di Ercole Giorgini.

Termina così l’elenco dei laureati nati a Terranova che conseguirono la laurea entro il 24 ottobre 1939, data in cui venne ripristinato l’antico nome “Olbia”. Ma l’elenco – come dicono gli inglesi – è ancora “in progress”. Per tale motivo sono sempre graditi i contributi dei lettori, anche mediante spedizione di foto degli interessati.

 

©Federico Bardanzellu

[1] Va precisato che il fratello maggiore di Lillina, Battista Bardanzellu, aveva già sposato, sin dal 1910, la dr.ssa sassarese Rita Fenu, laureata anch’essa in materie letterarie ma le nozze furono celebrate a Roma.

Si ringraziano i realizzatori dei siti  http://www.archgall.it/laureati/13.pdf  http://www.bibliotecadisardegna.it/risorse-fototecadisardegna.html  http://www.memorialocale.it/olbia.html e gli altri gentili contributori per le foto e le puntuali informazioni ottenute. 

 

 Nell'ultima foto da sinistra in basso Nando Lupacciolu, Carlo Francesco Putzu, Giovanni Maria Picciaredda, Tonino Maciocco e Tomaso Rasenti.

In copertina: Terranova, 16 luglio 1923. Pranzo di matrimonio di Lillina Bardanzellu - prima donna olbiese a conseguire la laurea - con il dottottor Claudio Ezio di Mandas (CA). Le nozze furono celebrate contemporaneamente a quelle della sorella Quirica "Lucietta" - che diverrà direttrice dell'ufficio postale olbiese - con il cugino Antonino Leoni di Luras. Le due coppie di spose sono sedute ognuna di fronte all'altro rispettivamente ai lati sinistro (coniugi Leoni) e destro (coniugi Etzi) del tavolo, rispetto a chi guarda la foto. Sono visibile anche i fratelli delle spose: Achille (in piedi dietro Antonino Leoni) e Battista (seduto alla sinistra della sorella Lillina). Foto Archivio Chicco Bardanzellu.