domenica, 17 gennaio 2021

Informazione dal 1999

Cronaca

Olbia, la Cina è più vicina: Pivetti presenta l'Urban Planning a Pigliaru

Olbia, la Cina è più vicina: Pivetti presenta l'Urban Planning a Pigliaru
Olbia, la Cina è più vicina: Pivetti presenta l'Urban Planning a Pigliaru
Angela Galiberti

Pubblicato il 20 aprile 2018 alle 13:11

condividi articolo:

La Cina continua ad essere interessata alla Sardegna. Prima riunione interlocutoria con la Regione: si è parlato anche di Olbia.

Olbia, 20 aprile 2018 - E' uno scarno comunicato quello che, ieri sul tardo pomeriggio, è arrivato nelle redazioni sarde: un comunicato che dice, in sostanza, che la Regione Sardegna ha incontrato la fondazione Only Italia, la stessa fondazione che ha interloquito con il Comune di Olbia per il progetto Urban Planning, e i rappresentanti della WCCO (fondazione a cui Olbia ha aderito a fine 2017).

"Il presidente della Regione Francesco Pigliaruha ricevuto, questo pomeriggio nella sala Emilio Lussu a Villa Devoto, i rappresentanti dellaFondazione cinese WCCO: Irene Pivetti, (AD Only Italia e membro del Direttivo della Fondazione), Chaney Cheng (AD Fondo di Investimento Governativo) e Alberto Farci (segreteria Only Italia e Responsabile progetti di sviluppo), accompagnati dal Responsabile tecnico di progetti di sviluppo Bonaventura Meloni edall'avvocato Giuseppe Luigi Cucca - si legge nel comunicato -.I rappresentanti di WCCOhanno illustrato al presidente Pigliaru le attività della Fondazione, che ha cinque sedi in Cina e opera in Italia attraverso Only Italy, che si occupa in particolare di internazionalizzazione.Nel corso della presentazione è stato sottolineato che il settore di maggiore interesse per WCCO nel dialogo con la Sardegna è quello dell'industria turistica: obiettivo è strutturare un costanteflusso turistico dalla Cina mirato a target specifici, interessati ad ambiente, qualità della vita, longevità e agroalimentare d'eccellenza".

La frase chiave è l'ultima: l'obiettivo è "strutturare un costante flusso turistico dalla Cina mirato a target specifici". Ovvero: l'obiettivo dell'Urban Planning Project con i suoi alberghi, il casinò, il teatro, il parco a Capo Ceraso e il porto turistico al molo Brin.

La questione è stata approfondita dall'Unione Sarda (che cita esplicitamente il progetto reso noto da Olbia.it) e dalla Nuova Sardegna (che parla di "Ansa sud" del golfo interno). La Cina, dunque, dopo aver interloquito con il Comune di Olbia attraverso il Sindaco Settimo Nizzi e alcuni suoi fidati collaboratori (Massimo Putzu, Giampiero Mura e Michele Fiori), si rivolge direttamente alla Regione Sardegna: l'ente che, attraverso lo strumento dell'intesa, potrebbe agevolare questi piani di investimento.

E proprio di questi piani di investimento si sarebbe parlato ieri a Cagliari, davanti alla massima istituzione dell'Isola e il pensiero non può che andare verso l'Urban Planning, per il quale vi sarebbe ancora un vivo interesse da parte della Cina e questo passo in avanti verso il presidente Pigliaru lo potrebbe confermare.

La delegazione cinese, guidata dalla presidente Irene Pivetti, è atterrata in Sardegna giovedì sera: nella giornata di ieri ha compiuto una serie di sopralluoghi nel distretto turistico gallurese (Olbia, ma anche Porto Rotondo, Golfo Aranci e Costa Smeralda) e nella Città di Cagliari.

L'idea di investire in Sardegna conprogetti di riqualificazione urbana si ricollega al colossale progetto Road & Belt, la nuova Via Della Seta che punta a collegare 40 Stati nazionali tra Asia, Africa ed Europa attraverso infrastrutture primarie e investimenti mirati.

La Cina, dunque, sembra essere più vicina e forse, da Olbia, non se n'è mai andata. La domanda che si fanno in molti, però, è un altra: la Presidente Pivetti avrà incontrato Nizzi?

Intanto, questa con la Regione Sardegna non è che la prima di una lunga serie.

Cronaca

Cronaca