sabato, 23 gennaio 2021

Informazione dal 1999

Cronaca

Olbia, immobile ampliato con cubatura altrui: scatta il sequestro

Olbia, immobile ampliato con cubatura altrui: scatta il sequestro
Olbia, immobile ampliato con cubatura altrui: scatta il sequestro
Olbia.it

Pubblicato il 12 ottobre 2019 alle 11:34

condividi articolo:

Olbia, 12 ottobre 2019 - Un immobile ampliato con una cubatura che apparterrebbe a un'altra persona:è questa l'ipotesi di indagine che questa mattina ha fatto scattare il sequestro preventivo di un edificio situato in via Vaduz.

L'operazione è stata coordinata dalla Procura di Tempio Pausania e si inserisce in una più ampia attività di controllo che ha lo scopo di reprimere gli abusi in materia ambientale ed edilizia.

Stando a quanto ricostruito dalla Polizia Locale guidata dal comandante Mannoni, i lavori sono stati autorizzati dal Comune di Olbia con apposita licenzia edilizia datata 2010.

Nel 2017, spiega la Locale, "un imprenditore edile, attraverso un suo tecnico di fiducia, ha proceduto a trasferire una volumetria pari a 380 metri cubi da un altro lotto di sua proprietà inserito nel piano di risanamento di Sa Minda Noa".

"La suddetta volumetria è stata utilizzata con apposita D.U.A. per incrementare ulteriormente le superfici e la cubatura delle costruzioni in fase di edificazione", spiega la Polizia Locale.

Tali trasferimenti di cubatura sono possibili grazie a una delibera di giunta datata 2016.

Secondo la Locale, il trasferimento di cubatura sarebbe stato compiuto "attestando falsamente, con atti specifici, di disporne".

"Si è riscontrato - prosegue la Locale - che la volumetria trasferita non era nella disponibilità del committente e che tale trasferimento non era attuabile, pertanto parte della cubatura già realizzata risulta eseguita in assenza di permesso di costruire", specifica la Polizia Locale.

L'indagine è ancora in corso.