mercoledì, 20 gennaio 2021

Informazione dal 1999

Sport

Olbia, Covid non ferma danza: Marcella Carta e le lezioni online

Olbia, Covid non ferma danza: Marcella Carta e le lezioni online
Olbia, Covid non ferma danza: Marcella Carta e le lezioni online
Laura Scarpellini

Pubblicato il 29 novembre 2020 alle 15:54

condividi articolo:

Olbia, 28 novembre 2020 - Il mondo della danza e del fitness stanno vivendo un momento difficile. Tutti gli operatori del settore pur essendo costretti a serrare le entrate delle palestre, assistono impotenti a tutta quella serie di scadenze mensili che non si fermano. Utenze, leasing, mutui, affitti e prestiti continuano imperterriti a battere cassa regolarmente. Anche a Olbia le difficoltà sono tante, ne sa qualcosa Marcella Carta: titolare di una delle più longeve palestre olbiesi, sassarese di nascita e olbiese di adozione da ormai 30 anni.

Marcella Carta non si è fatta sopraffare dallo sconforto di questi tempi nonostante le numerose problematiche, ma ha dato vita a delle lezioni online e all'aperto. Ora più che mai bisogna trasmettere un senso di stabilità, specialmente tra i giovani sportivi. "Trovo le lezioni online più difficili di quelle in presenza, io che lavoro tanto sull'empatia, devo faticare di più. La lezione online - spiega Marcella Carta - richiede una preparazione più meticolosa e un'altissima concentrazione, ma devo dire che i risultati si vedono anche così".

Per un'insegnate spesso il rapporto con le allieve va oltre la disciplina. Spesso si diventa l'amica più grande, la confidente e la figura a cui ricorrere quando si è in preda allo sconforto: "Ho un bellissimo rapporto con le mie allieve, ho sempre cercato di andare oltre il mero insegnamento della tecnica, della lezione fine a se stessa. Ho chiesto loro di lottare, di vedere oltre quello schermo di computer che ci separa, di guardare lontano perché il raggiungimento di un obiettivo passa anche attraverso le grandi difficoltà".

Marcella Carta è una vera e propria istituzione a Olbia. "Non so dire quando esattamente sia nata la mia passione per la danza. Ricordo di aver sempre desiderato praticarla. Ho realizzato il mio sogno quando si stabilì a Sassari andando via da Praga, l'insegnante di danza classica Jaguse Vrankova. Ho studiato danza nella sua scuola per tanti anni, smettendo solo poco prima di sposarmi. Con mio marito decidemmo di aprire la palestra nel 1989, in un piccolo locale in via Fidia. Cambiammo locale diverse volte, fino ad arrivare a quello attuale in via Corelli. Come tante giovani coppie, abbiamo fatto molti sacrifici, investendo quel poco che si riusciva a tirare su all'inizio in moltissimi corsi di formazione".

Marcella Carta rammenta con grande emozione l'aver preferito investire nella preparazione tecnica a discapito dell'ambito privato. Tanto entusiasmo e la ferma convinzione che l'attività fisica vada insegnata con cognizione di causa sono stati la spinta per proseguire in un cammino professionale, tutto da inventare. "Oggi dopo trent'anni di intenso lavoro, questo difficile momento che stiamo vivendo ci spaventa, e ci sgomenta. L'incertezza e le difficoltà oggettive ci riempiono di timore per il futuro. Onestamente provo una grande frustrazione per questa nostra seconda chiusura, perché sono convinta che la palestra e la scuola di danza, siano uno di quei luoghi dove il rispetto delle regole ha un' importanza fondamentale. Si sta penalizzando una categoria che ha già fortemente sofferto - così prosegue nel suo racconto con grande accoramento, Marcella Carta - a mio avviso senza reali motivazioni. Gli assembramenti sono in altri luoghi e sono sotto gli occhi di tutti".

"Di sogni nel cassetto ne abbiamo ancora anche se non siamo più dei ragazzini. Per quanto riguarda il nostro Body Control Club vorremmo sicuramente che l'attività fisica in genere diventasse un'abitudine imprescindibile per tutti, patrimonio di salute e benessere psicofisico. Da insegnante di danza ho ancora tanti sogni da inseguire. La mia creatività non si è mai spenta. Nemmeno con il Covid".

La forza e la passione di una donna sono inarrestabili dinanzi a difficoltà e paure. Marcella Carta a Olbia ne è la conferma. La danza è donna, non si arrende.

Sport

Sport