martedì, 19 ottobre 2021

Informazione dal 1999

Cronaca

Olbia. Comitato salvaguardia idraulica contro Piano Mancini: presentato ricorso al TAR

Olbia. Comitato salvaguardia idraulica contro Piano Mancini: presentato ricorso al TAR
Olbia. Comitato salvaguardia idraulica contro Piano Mancini: presentato ricorso al TAR
Olbia.it

Pubblicato il 04 giugno 2016 alle 13:20

condividi articolo:

Olbia, 04 Giugno 2016 - IlComitato Salvaguardia Idraulica di Olbia, tramite questo comunicato rende notoche alcune "vittime" degli espropri per la realizzazione del Piano Mancini hanno presentato ricorso al TAR della Sardegna contro il Comune di Olbia e l'Ing.Marco Mancini.

"Un gruppo di “potenziali vittime” degli espropri previsti per la realizzazione del Quadro delle opere del Piano di mitigazione del rischio idraulico di Olbia, ha presentato ricorso al TAR della Sardegna contro il Comune di Olbia e il Prof. Ing. Marco Mancini in veste di contro interessato.In tale ricorso il “gruppo” è supportato e sostenuto dal Comitato Salvaguardia Idraulica di Olbia.Il ricorso è finalizzato all’ annullamento, previa sospensiva, della deliberazione n. 25 /16 del Consiglio Comunale di Olbia, adottata l' 8 marzo 2016 , avente ad oggetto “opere di mitigazione del rischio idraulico – controdeduzioni alle osservazioni” con allegata la proposta di deliberazione del Consiglio Comunale n. 31 del 24 febbraio ’16 dell’assessore Davide Bacciu che al punto 3 prevede: “di approvare il progetto definitivo delle opere di mitigazione”.

Le ragioni del ricorso vanno ricercate , innanzitutto, nel sacrosanto diritto dei cittadini di tutelare le loro proprietà ed aziende di consistente valore economico e produttivo, fonte di lavoro per i proprietari e le loro famiglie, ma anche nella notevole approssimazione e fretta eccessiva dei procedimenti amministrativi adottati che hanno fatto sì che venissero ignorate o scarsamente considerate le più elementari regole di trasparenza e linearità degli atti, nonché il diritto dei cittadini ad essere coinvolti.

Tra le specifiche motivazioni si evidenziano: difettoso confezionamento della deliberazione comunale, eccesso di potere, manifesta illogicità e difetto dei presupposti, carenza di istruttoria e travisamento dei dati di fatto, difettosa applicazione della discrezionalità amministrativa e in generale una diffusa confusione tra il ruolo di controllore e controllato.Il ricorso è notificato ai soggetti coinvolti e con la presente si intende portarlo anche a conoscenza dell’intera cittadinanza."