domenica, 25 luglio 2021

Informazione dal 1999

Annunci, Necrologi

Golfo Aranci piange la scomparsa di un suo cittadino onorario: il Prefetto Carlo Mosca

Lutto per il consigliere di Stato e prefetto Carlo Mosca

Golfo Aranci piange la scomparsa di un suo cittadino onorario: il Prefetto Carlo Mosca
Golfo Aranci piange la scomparsa di un suo cittadino onorario: il Prefetto Carlo Mosca
Olbia.it

Pubblicato il 30 marzo 2021 alle 20:00

condividi articolo:

Golfo Aranci.  Giorno tristissimo oggi per la morte del Consigliere di Stato e prefetto Carlo Mosca.  Milanese di nascita, ex capo di Gabinetto di diversi ministri, il Consigliere di Stato è deceduto oggi all'età di 75 anni presso l'ospedale di Roma dove era ricoverato da qualche giorno. Una perdita immensa per la quale la ministra dell'Interno Luciana Lamorgese ha espresso profondo cordoglio:"Con Carlo Mosca scompare una figura di grandissimo prestigio del ministero dell'Interno, un uomo dello Stato che ha servito fedelmente le istituzioni in un arco lunghissimo di tempo, fin da quando, giovanissimo, entrò alla Scuola militare della Nunziatella di Napoli"
 
Carlo Mosca aveva conseguito la laurea in giurisprudenza e scienze politiche nelle Università di Sassari e di Napoli Federico II. Dopo la specializzazione in diritto e procedura penale era stato nominato prefetto nel 1993 e prefetto di prima classe nel 2000.
Dopo aver svolto le funzioni di Vice Capo di Gabinetto sino al 1994, è diventato Vice Direttore Vicario del Sisde. Dal 1996 ha svolto l'incarico di Direttore della Scuola Superiore del Ministero dell'Interno e nel 2000 quello di Direttore dell'Ufficio Centrale legislativo e delle relazioni parlamentari presso lo stesso Dicastero dove ha assunto, dal 2003, le funzioni di Capo di Gabinetto prima del Ministro Pisanu e poi del Presidente Amato. Dal settembre 2007 è stato prefetto di Roma. Nominato Consigliere di Stato ha svolto dal 2009 al 2015 le funzioni presso la Seconda Sezione Consultiva e la Sesta Sezione Giurisdizionale. Oltre agli insegnamenti universitari, il Prefetto Carlo Mosca è stato autore di diverse importanti libri. Dal settembre 2016 faceva parte presso il Ministero della Giustizia, del Comitato Scientifico degli Stati generali della lotta alla criminalità organizzata. 
 
"Carlo Mosca è stato protagonista di riforme fondamentali dell'Amministrazione dell'Interno, nelle quali ha profuso la sua visione strategica e le sue intuizioni fortemente innovative. Ha rappresentato un punto di riferimento per tante generazioni di funzionari che ne ammiravano la profonda cultura, la finezza intellettuale, la statura morale e l'afflato umano che sapeva infondere in ogni rapporto". Ha dichiarato la Ministra Lamorgese che ha voluto porgere le più affettuose condoglianze al figlio Davide Mosca ricordando il "grande animatore culturale che ha guidato l'Associazione nazionale dei funzionari del ministero dell'Interno, interpretando i valori più autentici della nostra carriera, con l'ansia mai appagata di trasmetterli alle generazioni future. Oggi ne piangiamo la scomparsa e ci stringiamo al figlio Davide con un grande abbraccio".
 
 
Anche il sindaco di Golfo Aranci, Mario Mulas, appresa la tristissima notizia della prematura scomparsa del prefetto Carlo Mosca, cittadino onorario di Golfo Aranci, ha voluto esprimere a nome dell'amministrazione comunale e di tutta la cittadinanza il più profondo cordoglio ai familiari per l'immensa perdita: "Ho appena ricevuto una tristissima notizia, è deceduto il nostro concittadino onorario Prefetto Carlo Mosca.
Non ho parole per descrivere la perdita enorme che lascia in tutti coloro i quali hanno avuto modo di apprezzarne le capacità professionali ed umane nel corso della sua brillantissima carriera nello Stato fino a ricoprire posizioni di rango elevatissimo. Per noi era anche un concittadino che con semplicità, stile e molta umiltà aveva scelto di passare lunghi mesi dell'anno fra di noi.
Non era un nostro turista il Prefetto Mosca, si sentiva anche golfoarancino e non perdeva occasione per dispensare preziosi consigli, ma solo se gli venivano richiesti, avendo la straordinaria capacità di saper vivere fra gli altri con garbo ed eleganza, senza far sentire il peso della sua infinita conoscenza ed il valore della sua carriera. Per questo motivo al Prefetto Mosca era stata conferita la cittadinanza onoraria del nostro Comune e per questo motivo adotteremo ogni iniziativa per onorarne il ricordo.
Tutta l'Amministrazione comunale si stringe con affetto al dolore della famiglia"