sabato, 23 gennaio 2021

Informazione dal 1999

Cronaca

Denti da latte: ecco perché curarli. I consigli della Dott.ssa Stefania Satta.

Denti da latte: ecco perché curarli. I consigli della Dott.ssa Stefania Satta.
Denti da latte: ecco perché curarli. I consigli della Dott.ssa Stefania Satta.
Stefania Satta

Pubblicato il 02 aprile 2016 alle 15:18

condividi articolo:

Olbia, 03 Aprile 2016 -Perché curare i denti da latte. È importante sfatare la falsa credenza che i denti da latte non debbano essere curati in quanto destinati a cadere. Al contrario è fondamentale prevenire le carie o, se presenti, curarle con tempestività.La carie dei denti da latte purtroppo ha una particolarità: progredisce verso la polpa del dente molto velocemente (i denti sono più piccoli e la camera pulpare è più ampia) e, in termini di dolore, può avere nei bambini effetti proporzionalmente più gravi che negli adulti. I denti da latte cariati devono essere curati in quanto:

• possono provocare dolore, infezioni, ascessi e fistole;

• il dolore rende molto spesso i bambini incapaci di masticare, alimentarsi e quindi di crescere correttamente e a volte il disagio è tale da impedire al bambino di andare a scuola;
• a causa della tenera età (le carie possono comparire anche a soli due anni) spesso i bambini non sono in grado di fornire la necessaria collaborazione per le cure e questo può portare alla necessità di far assumere loro molti farmaci (come antidolorifici e antibiotici), a dover estrarre i denti cariati nella maggior parte dei casi e, a volte, a doverlo fare ricorrendo all’anestesia generale nella sala operatoria di un ospedale;
•i denti da latte cariati possono (anche se raramente) determinare difetti di formazione del dente permanente corrispettivo;
• possono ritardare, accelerare o deviare la nascita del dente permanente;
• la loro perdita precoce dovuta alla carie può diminuire lo spazio per il dente permanente per migrazione dei denti adiacenti;
• la presenza di carie sui denti da latte può creare una flora batterica sfavorevole che può "contagiare" anche i denti permanenti;
• a volte può succedere che il dente permanente corrispondente al dente da latte sia assente (agenesia) e, in questi casi, il dente da latte rimane al suo posto per molti anni e continua a svolgere il suo lavoro aiutando gli altri denti nella masticazione: un motivo in più per avere denti da latte forti e sani.