domenica, 24 gennaio 2021

Informazione dal 1999

Cronaca

Concessioni e procedura infrazione, Federbalneari: "tutto previsto, ora riordino settore"

Concessioni e procedura infrazione, Federbalneari:
Concessioni e procedura infrazione, Federbalneari:
Olbia.it

Pubblicato il 03 dicembre 2020 alle 15:32

condividi articolo:

Olbia, 3 dicembre 2020 - Come un fulmine a ciel sereno è arrivata la notizia di un avviso di procedura di infrazione da parte dell'Unione Europea sulle concessioni balneari. Sul tema, importantissimo per i concessionari olbiesi, interviene Federbalneari.

"L’avviso di una procedura di infrazione dà al Governo 60 giorni per motivare e chiarire il proprio impianto normativo sulle concessioni demaniali e le motivazioni ci sono tutte e molto sostanziali in quanto dovrà dar corso immediato al processo di riordino delle concessioni già in conferenza Stato-Regioni confermando la validità delle norme sul periodo transitorio del 2033. Va finalmente avviato il processo di riordino con decreto, come previsto dalla attuale legge in tema di concessioni, posizione che Federbalneari Italia sostiene ormai da molto tempo”, afferma Maurelli Marco, Presidente Federbalneari Italia. A far eco è anche suo fratello Segretario Regionale Federbalneari Sardegna Claudio Maurelli, che afferma: “Innanzitutto non fatevi ingannare, chi conosce la materia normativa sa benissimo che l’avviso di Infrazione non ferma una legge nazionale né tantomeno quella Regionale, come già confermato da 18 sentenze".

"Per il resto, tutto previsto - continua Claudio Maurelli - in questo momento complicato per 1000 famiglie sarde, siamo già al lavoro da domani mattina in audizione con il Ministero del Turismo e con il Dipartimento delle Politiche Europee, per far uscire un DPCM definitivo che spieghi l’iter di Riordino e tranquillizzi Europa sul tema delle Concessioni balneari così come già da tempo avevo spiegato essere in itinere”. Segue il Presidente Federbalneari Sardegna Mario Isoni: "una opportunità per poter fermare I Comuni Pro Multinazionali Europee e Contro la tutela delle coste e famiglie della Sardegna”.