giovedì, 21 gennaio 2021

Informazione dal 1999

Cronaca

Asl Unica. Nasone (Nursing up): legge mostro, non si parla dei cittadini

Asl Unica. Nasone (Nursing up): legge mostro, non si parla dei cittadini
Asl Unica. Nasone (Nursing up): legge mostro, non si parla dei cittadini
Olbia.it

Pubblicato il 20 luglio 2016 alle 14:04

condividi articolo:

Olbia, 20 Luglio 2016 - L'Azienda sanitaria regionale unica (altrimenti detta Asur) è ormai una realtà. L'Asur aprirà ufficialmente i battenti a Settembre, ma intanto la politica regionale è spaccata sulla sua sede centrale: prima era stata indicata Oristano, ora pare essere in pole position Sassari; a Nuoro dovrebbe andare, invece, la sede del 118. Intanto, però, le parti sociali si chiedono quali saranno gli effetti del nuovo ente che prevede un manager solo al comando per tutta la Regione. A parlare è il Nursing Up Sassari Olbia, guidato da Alessandro Nasone.

"Dopo tutti questi anni in cui il deficit della Sanità Sarda è aumentato a livelli impressionanti , tantoda raggiungere la quota di bilancio di circa 3 miliardi di euro, era naturale che si dovesseintervenire su una riorganizzazione e un ridimensionamento del numero dell'asl ma falciare tuttocome ha fatto questa giunta andava al di la della mia immaginazione.Dalla lettura del testo in discussione tutto viene costruito partendo dall'alto, si parla solo diorganizzazione apicale e non della base, di accentramento e non di riorganizzazione territoriale. LaGiunta era partita bene attraverso la riorganizzazione ospedaliera e territoriale, che ha prodotto simolti contrasti con i territori, ha colpito anche Alghero, sacrificata con altri territori per ben altrimotivi , che sono ben lontano dalla specificità sanitaria, ma almeno si è iniziato a parlare diriorganizzazione, con il merito anche di portare all’attenzione dei sardi le Problematiche sanitarie - scrive Alessandro Nasone, segretario provinciale del Nursing Up -.Il Fatto che la rete ospedaliera abbia trovato un opposizione ferma e decisa nei territori sardi e nonsolo ad Alghero, sembra però che abbia portato la giunta e il consiglio regionale ad accelerarel'accorpamento rimandando l'organizzazione ad un futuro atto aziendale".

Secondo Nasone, la legge non mette al centro i cittadini: i fruitori della sanità. "Nella Legge non si parla di Territorio e di come dovrà organizzarsi, rimanda tutto al super managerche poi farà calare dall'alto le decisioni e lì veramente i territori non avranno granché voce incapitolo. Sono più che mai convinto che il contenimento della spesa si attua con l'apertura diambulatori medici h 24 e ambulatori infermieristici su tutto il territorio sardo; devono essere messele risorse umane li dove c'è ne bisogno , sotto casa, evitando cosi l'intasamento degli ospedali chediventerebbero veramente luoghi di cura per acuti. Non si parla dei vecchi ospedali territoriali eperiferici, cosa diventeranno ? non si sa; sarebbe opportuno portare a termine la lorotrasformazione in casa della salute con reparti a gestione infermieristica e con ambulatoripolispecialistici H12 dove i medici possano fare intramoenia controllata e in spazi adeguati al difuori del loro orario di servizio - continua il sindacalista -.Un Contenimento della spesa si attua anche attraverso la riforma delle professioni sanitarie emediche , cosa che invece la giunta ( nonostante possa farlo visto che siamo una regione a statutospeciale ) ha ignorato e nonostante l’Assessorato alla Sanità da due anni ha nel cassetto unprogetto di legge che riformava tutta la professione infermieristica calandola anche sul territorio,oltre naturalmente ad avere in consiglio regionale altri progetti di legge sull’infermiere di famigliache neanche hanno iniziato l’iter in commissione.Non si parla di spesa farmaceutica e dei presidi, di piano di edilizia sanitaria e efficentamentoenergetico degli ospedali .. ma solo di accentramento e centrale unica di committente, sperandoche i tempi vengano sensibilmente ridotti visto che oggi per espletare una gara regionale suqualsiasi tipo di dispositivo o farmaco ci vogliono almeno 20 mesi, con gravi ripercussionisull’operatività dei reparti e degli operatori sanitari".

Secondo il Nursing Up Sassari Olbia, la legge che darà il via all'azienda sanitaria unica è una legge mostro che parla solo dei ruoli dirigenziali. "Una legge mostro che parla solo di come sarà la sanità nei suoi vertici ma che non parlaassolutamente di come si debbano soddisfare i bisogni di salute dei cittadini.In questa fase, forse sarebbe stato più giusto portare a termine la riorganizzazione ospedaliera eterritoriale e poi accorpare le Asl in tre macroareee e due Aou ma certamente non accentrare tuttoin un unica testa - conclude Alessandro Nasone -.Ma sopratutto non sarebbe stato più utile, prima di tutto ciò , aggiornare al 2016 il Piano SanitarioRegionale , vecchio di 10 anni?".

Cronaca

Cronaca