Thursday, 13 June 2024

Informazione dal 1999

Bianca, Cronaca

Valledoria: confermato un caso di positività al virus della West Nile

A Valledoria confermata la positività al virus in un esemplare di cornacchia grigia

Valledoria: confermato un caso di positività al virus della West Nile
Valledoria: confermato un caso di positività al virus della West Nile
Olbia.it

Pubblicato il 17 August 2023 alle 15:14

condividi articolo:

Valledoria.  Positivià al virus della West Nile confermata in un esemplare di cornacchia grigia nel comune di Valledoria.

Il Centro Nazionale di Teramo (Cesme) - si legge in una nota della Asl Sassari - "conferma il caso di positività al virus della West Nile riscontrato negli scorsi giorni nell’agro di Valledoria, Località Montisciu Mannu, in un esemplare di cornacchia grigia. Il Dipartimento di Prevenzione veterinaria della Asl di Sassari coordina le operazione di monitoraggio e sorveglianza, già attivate sin dalla prima fase di sospetto. In collaborazione con l’amministrazione provinciale e quelle comunali, infatti, sono stati già avviati interventi di disinfestazione e rimozione dei focolai larvali e le attività larvicide nei focolai non rimovibili nel territorio".

"Inoltre e stata avviata un’attività di sensibilizzazione perché e’ fondamentale che le persone che vivono o lavorano nell’area provinciale interessata adottino misure di protezione individuale e collaborino alle attività di rimozione dei focolai larvali e alla attività larvicide nei focolai non rimovibili nelle aree private".

"Il Dipartimento di Prevenzione Veterinaria della Asl di Sassari,  guidato da Francesco Sgarangella, ha inoltre sensibilizzato gli allevatori di cavalli per la vaccinazione degli animali contro il virus della West Nile, che in questi casi e’ fortemente consigliata a scopo preventivo".

“Come Asl il nostro Dipartimento di Prevenzione, sia di area veterinaria che medica, sta monitorando attentamente la situazione anche se al momento non sono stati riscontrati casi nell’uomo. In questa fase più che mai, chiediamo la massima collaborazione da parte degli allevatori. Così come previsto dal Piano nazionale di prevenzione delle arbovirosi e’ importante che vengano segnalati ai Veterinari eventuali sintomi neurologici sospetti che dovessero presentarsi nei cavalli,”, spiega il Direttore generale della Asl di Sassari, Flavio Sensi.

"Il cavallo, come l’uomo, e’ infatti un ospite a fondo cieco, spiegano dal Dipartimento di Prevenzione area Veterinaria, e non e’ in grado di trasmettere la malattia agli altri animali. La vaccinazione si rende necessaria per proteggere l’animale affinche’ abbia una adeguata risposta immunitaria qualora dovessero incontrare la malattia".