giovedì, 05 agosto 2021

Informazione dal 1999

Politica

Tre canadair a Olbia fino a settembre

La macchina antincendio lavora senza sosta

Tre canadair a Olbia fino a settembre
Tre canadair a Olbia fino a settembre
Angela Galiberti

Pubblicato il 10 luglio 2021 alle 08:11

condividi articolo:

Olbia. Canadair al Costa Smeralda fino a settempre: la macchina antincendio non può fermarsi. Ieri, l'assessore regionale all'Ambiente ha compiuto un sopralluogo all'aeroporto, dove sono dislocati i tre canadair che fanno parte della flotta nazionale.

“Anche per la Campagna antincendio 2021 abbiamo chiesto ed ottenuto dal Dipartimento nazionale della Protezione civile la disponibilità dei tre Canadair, che, insieme alla flotta regionale, consentono la copertura dell’intero territorio isolano. Una flotta adeguata che garantisce tempi di intervento brevi e una maggiore efficacia nella difesa e nella tutela del patrimonio ambientale sardo”. Lo ha detto l’assessore regionale della Difesa dell’ambiente, Gianni Lampis, con delega alla Protezione civile, durante la visita all’aeroporto di Olbia, dove sono schierati tre 'Canadair CL 415' (al momento della visita erano impegnati a Loiri Porto San Paolo, a Villagrande e a Barrali), che garantiscono una capacità di carico di 6.000 litri d’acqua e liquido schiumogeno, con un’autonomia di 2.400 km. Il primo Canadair è arrivato a Olbia lo scorso 15 giugno, mentre gli altri due sono operativi nei mesi di luglio e agosto. Dal 1 al 21 settembre i mezzi scenderanno a due, quindi fino al 30 ne resterà uno.

La flotta regionale, invece, è composta da undici elicotteri 'Ecureuil AS 350 B3' con una benna da 900 litri, schierati nelle basi di Fenosu, Marganai, San Cosimo, Limbara, Anela, Farcana, Sorgono, Bosa, Alà dei Sardi, Pula e Villasalto, ed un SuperPuma, con base a Fenosu, con benna da 4.000 litri. Inoltre, sono disponibili un elicottero dell’Esercito all’aeroporto di Elmas ed uno dei Vigili del fuoco ad Alghero.

“Il coordinamento tra la flotta aerea regionale e quella statale è garantito dalla Sala operativa regionale (Soup) nella sede della Protezione civile regionale, che opera in stretta sinergia con il Centro operativo (Coau) della Protezione civile nazionale e in costante raccordo con i Centri operativi provinciali (Cop) nelle sette sedi del Corpo forestale”, ha aggiunto l’assessore Lampis.

“La macchina regionale dell’antincendio, che vede impegnati donne e uomini della Protezione civile, del Corpo forestale, dell’agenzia Forestas e dei Vigili del fuoco, insieme alle organizzazioni di volontariato di protezione civile e alle Compagnie barracellari, sta dimostrando la propria efficacia anche quest’anno. Infatti, nonostante l’aumento degli eventi (976, +3% rispetto al 2020), la superficie boschiva è diminuita del 30% e quella non boschiva del 24%”, ha concluso l’esponente della Giunta Solinas