Da 1015 giorni 15 ore 59 minuti 44 secondi questa testata è stata 'censurata' dal sindaco Nizzi per aver consultato i cittadini. Ecco i dettagli, o leggi le notizie secondo LUI.

Sardinia Ferries
Cronaca Sardegna

Sardegna: i nostri porti tra le eccellenze d’Italia

Brili immobiliare 1400

Olbia, 15 ottobre 2019 – Il nostro mare  Mediterraneo  pare essere sempre  più dinamico con la crescente richiesta di una  competitività seria, e preparata ad  investire  in nuove  infrastrutture con moderne   piattaforme logistiche.

Le crociere e la nautica da diporto continuano ad essere un importante  traino dell’economia sarda riuscendo a fare da volano   all’economia locale, portandola verso un sicuro incremento.

Studio Dentistico Satta 300

Si rende quindi attuare innovative   strategie  che possano indurre  ad avere traffici turistici per lunga parte dell’anno, non limitandosi più alla sola stagione estiva.

A quanto pare il  sistema dei porti sardi (Cagliari, Olbia, Porto Torres, Oristano, Golfo Aranci, Porto Vesme e Santa Teresa di Gallura) nel 2018 ha movimentato   ben 47,7 milioni di tonnellate di merci.  Ciò ricopre quindi il  10% del totale merci movimentato dai porti, a livello nazionale.

Da notare inoltre che  nel comparto del Ro-Ro (Roll-on Roll-off, ossia le navi specializzate nel trasporto di autovetture e mezzi pesanti gommati) gli scali sardi sono  da ritenersi tra le eccellenze italiane: con 10,6 milioni di tonnellate l’isola rappresenta ancora una volta  il 10% del totale nazionale. Questo è ciò che emerge nella presentazione del Rapporto annuale “Italian Maritime Economy 2019” di Srm, il Centro Studi e Ricerche per il Mezzogiorno di Intesa Sanpaolo.

I traffici più importanti del porto di Cagliari sono le rinfuse (il 79%) e il Ro-Ro (l’11% pari a 4,1 milioni di tonnellate). Il capoluogo sardo , con  i suoi 36 milioni di tonnellate di merci movimentate , è il 4° porto in Italia.

Si attesta in seconda posizione come  porto Oil in Italia: i prodotti di questo settore rappresentano il 77% del totale delle merci gestite dallo scalo.

Per quanto concerne il numero di passeggeri, i porti sardi rappresentano il 12% del totale Italia con 6,3 milioni di persone. Il porto di Cagliari ha gestito nel 2018 706 mila passeggeri.

Secondo la classificazione indicata dall’ordinamento marittimo nazionale  Olbia rientra nella  II categoria e I classe (di rilevanza economica internazionale) con il suo i sistema portuali  insieme con  Cagliari, Olbia Golfo Aranci e Porto Torres.

Arbatax risulta ancora classificato, secondo la vecchia classificazione, come porto rifugio, mentre rimandano  alla II categoria e II classe, (di rilevanza economica nazionale) il porto di Oristano e lo scalo di S.Antioco;

La II categoria e III classe (di rilevanza economica regionale e interregionale)  comprende gli scali di Palau, La Maddalena, Carloforte, Portovesme, S.Teresa di Gallura. Infine alla  II categoria e IV classe (secondo la vecchia classificazione) , fa riferimento lo scalo di Calasetta.

Il comparto portuale sardo ha ancora molto lavoro da fare anche se di strada ne ha fatta parecchia. Non resta che credere in nuovi progetti con soluzioni sempre al passo che le nuove esigenze di mercato, strizzando l’occhio al segmento turistico che può davvero fare la differenza per questa stupenda regione.

Studio Dentistico Satta orizzontale
Studio dentistico Dottoresse Satta Olbia 1540
Commenti

Virali

In Alto