Da 904 giorni 15 ore 6 minuti 4 secondi questa testata è stata 'censurata' dal sindaco Nizzi per aver consultato i cittadini. Ecco i dettagli, o leggi le notizie secondo LUI.

DoubleTree by Hilton hotel ristorante Olbia 1400
Cronaca Olbia

Olbia. Ztl, paradosso De Vizia: “no deroghe a chi recupera la spazzatura”

California Bakery 1400

Olbia, 26 marzo 2018 – Mentre gli olbiesi continuano inspiegabilmente a collezionare multe a go-go (300 solo sabato scorso), qualcuno si interroga sull’utilità di una Ztl integrale che non “prevederebbe” (a giudicare da ciò che è successo nei giorni scorsi e da ciò che afferma il sindacato) deroghe per chi si occupa di un servizio pubblico fondamentale: il ritiro della spazzatura. 

L’incredibile vicenda delle multe recapitate alla De Vizia, società che si occupa dell’appalto per la gestione della raccolta dei rifiuti solidi urbani, è stata resa pubblica la settimana scorsa dal consigliere comunale Rino Piccinnu. Oggi, a parlare, è Luisella Maccioni: segretaria territoriale della Funzione Pubblica della Cgil.

Spesati article offerte

Esiste una sottile linea rossa che demarca una priorità su due diritti fondamentali: quello del diritto alla vivibilità della città e quello del lavoro? Soprattutto quando i due diritti si intersecano e convivono nel fine di dare una migliore qualità della vita alla popolazione? Queste domande, non certo filosofiche, non fanno parte della visione politica della Amministrazione di Olbia sulla, ormai famosissima, “ZTL” della città: la furia sanzionatrice del “colpiscine uno per educarne cento” è estendibile a tutti persino chi (vedi lavoratori e mezzi della Società De Vizia) opera e lavora, per conto della stessa Amministrazione, per dare alla città quella qualità della vita che sembra essere la punta di diamante della politica amministrativa“: parte così la riflessione della segretaria Maccioni dedicata al servizio pubblico garantito proprio dalla De Vizia.

La Fp Cgil non interviene in merito alla polemica politica, né esprime un giudizio sulla Ztl: si limita a constatare che c’è un problema se i lavoratori della De Vizia non possono entrare nel centro storico per fare il loro lavoro e, in definitiva, chiede un atto di concertazione.

È successo che i mezzi e i lavoratori che operano nella raccolta porta a porta all’ interno della Ztl, sono stati sanzionati per la semplice ragione che in Olbia non vige la regola delle eccezioni all’ingresso, come nella totalità delle città italiane, e quindi chiunque violi tale disposizione le
viene inflitta un’ammenda, nel nostro caso raggiungiamo il paradosso: la stessa Amministrazione punisce una Azienda che opera per “delega ed appalto” nella gestione di un servizio prettamente comunale, con la conseguenza che la stessa Azienda trasferisce la contravvenzione ai dipendenti alla guida dei veicoli; in definitiva l’anello debole della catena paga la rigidità di una decisione incontrovertibile“, scrive Luisella Maccioni.

Noi non siamo per le deroghe a tutto, ma riteniamo inappropriata la rigidità con cui si blocca l’accesso dopo le 17:00 non foss’altro perché si costringono i lavoratori a non terminare la raccolta e quindi a lasciare sulla strada buona parte dei rifiuti. Oggi forse si potrà prescindere ma con la stagione estiva il problema si aggraverà – continua la segretaria della Fp Cgil -. Pertanto crediamo che basterebbe molto poco per coniugare l’esercizio dei due diritti attraverso la vecchia prassi della discussione e soprattutto attraverso la condivisione delle decisioni, sapendo che perdurando lo stato di cose devono essere rivisitati i regimi orari di raccolta e quindi parametrare il servizio rispetto alle esigenze dettate dalla scelta di costituzione della Ztl, tenendo conto però che operare senza traffico il servizio di raccolta non solo può essere effettuato con migliore qualità ma garantisce anche, e no è poco, la sicurezza del lavoratore e del cittadino“.

Analizzato il problema, Maccioni lancia un appello al sindaco Nizzi: “Chiediamo alla Amministrazione del Comune di Olbia di rivedere, e di concedere le autorizzazioni necessarie all’accesso delle zone a traffico limitato. Contestualmente chiediamo un incontro per ragionare su come il servizio di Raccolta e Smaltimento dei rifiuti possa essere migliorato, anche con la partecipazione dei lavoratori, nella città di Olbia”.

Prink 1400
Studio dentistico Dottoresse Satta Olbia 1540
Commenti

Virali

iRiparo Olbia dieffe 1400 domenico castaldo
In Alto